A+ A A-
 

Il debutto dei Throne of Flesh con un EP devoto alla vecchia scuola Death Il debutto dei Throne of Flesh con un EP devoto alla vecchia scuola Death

Il debutto dei Throne of Flesh con un EP devoto alla vecchia scuola Death

recensioni

titolo
Dogma
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Italia 

GENERE: Death Metal 

FFO: (early) Deicide, Entombed, Dismember, Autopsy 

LINE UP: 
J - vocals 
F - guitars 
T - bass 

TRACKLIST: 
1. 24 Obnoxious Reeks of Holiness [05:28] 
2. Throne of Mendacious Heritage [05:12] 
3. Inverted [04:16] 
4. Tracheotomized by Ants [04:31] 

Running time: 19:27 

opinioni autore

 
Il debutto dei Throne of Flesh con un EP devoto alla vecchia scuola Death 2019-03-10 19:45:24 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    10 Marzo, 2019
Ultimo aggiornamento: 11 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debuttano con questo EP di quattro pezzi i Throne of Flesh, nuova realtà Death Metal tutta italiana formatasi nell'estate del 2018 dall'unione di tre vecchi amici: Joseph Di Porto (Bestial Vomit, C.L.G.), Flavio Tempesta (Disease, C.L.G., ex-Sudden Death) e Giuseppe "Tato" Tatangelo (Zora, Antipathic, Glacial Fear). Il terzetto di terroristi musicali bada direttamente al sodo: un sound che attinge dal marciume della scuola americana (Autopsy, primissimi Deicide) e dall'attitudine Punk/Rock'n'Roll di quella svedese (Entombed, Dismember), regalandoci una ventina di minuti di Death Metal diretto e senza compromessi. Chitarre taglienti il giusto, il profondo growl di Joseph, il tellurico basso di Tato... tutto è diretto a dare il maggior impatto possibile, passando senza sosta tra cavalcate Swedish e pesanti rallentamenti fangosi, senza pensare tanto alla tecnica o alla ricerca di una qualsivoglia melodia, ma puntando invece tutto su una marcata attitudine. Magari un lavoro non imprescindibile quello dei Throne of Flesh, ma di certo "Dogma" riesce a strappare agevolmente la sufficienza; qualora siate die hard fans di queste sonorità novantiane, suggerirei di dare una chance al trio nostrano: potreste ritrovarvi felicemente sorpresi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Non all'altezza del predecessore, ma l'adrenalina non manca nel nuovo Battle Beast
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Suzi Quatro: la signora del Rock è tornata!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un live album quello dei Quiet Riot capace di trasmettere energia a dosi massicce
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Wretch tirano dritto per la propria strada fatta di heavy classico e us power.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Treatment - rock'n'roll purissimo!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Poca originalità nella musica dei SEITA.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Quello degli Our Dying World è un EP giovane e "fresco".
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non Est Deus - There is no God
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppa carne al fuoco in un lavoro ancora acerbo per i Brutal Cancan
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto con i fiocchi per i canadesi Backstabber
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo lavoro dei tedeschi Invictus
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debutto cazzuto per i veneti Kamion
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla