A+ A A-
 

Il primo lavoro dei tedeschi Invictus Il primo lavoro dei tedeschi Invictus Hot

Il primo lavoro dei tedeschi Invictus

recensioni

gruppo
titolo
“Burst the curse”
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

01. Burst the curse

02. Gaia

03. Someone out there

 

 

LINE-UP:

Nico • Vocals

Fabio • Guitar

Andi • Guitar

Fabi • Bass

Dave • Drums

opinioni autore

 
Il primo lavoro dei tedeschi Invictus 2019-03-13 16:24:00 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    13 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra una scritta che ricorda i Metallica ed una copertina che fa pensare a “Live after death” degli Iron Maiden, arriva il debutto discografico dei bavaresi Invictus (nome abbastanza diffuso, tra le metal bands in giro per il mondo), intitolato “Burst the curse”. Non si sa molto di questi tedeschi che si dovrebbero essere formati nel 2010 e non sono nemmeno presenti su Metal Archives. Ma poco importa, veniamo alla musica. Il loro sound è un piacevole power metal, abbastanza veloce, ma anche alquanto canonico, dal flavour piuttosto old-style, particolare che, stando alle note di presentazione del lavoro, è l’obiettivo della band, visto il loro amore per la “golden age” del metal degli anni ’80. Non so se anche la registrazione non eccelsa rientri tra queste caratteristiche appositamente volute dagli Invictus ma, comunque sia, tocca accontentarsi, tenendo sempre presente che si tratta di un’autoproduzione, magari con un limitato budget economico. Strumento principale sono le chitarre di Fabio ed Andi, autori anche di piacevoli parti soliste; c’è poi la voce di Nico, acuta quanto basta, ma che mi sembra abbia un po’ bisogno di “sgrezzarsi”, dato che credo abbia buone potenzialità, anche a livello di espressività (basta sentirlo nella seconda traccia). Il lavoro dura poco più di 11 minuti, divisi in 3 pezzi; la title-track “Burst the curse” è la classica power-song tirata e veloce, a cui segue la ballad struggente “Gaia”, dalle atmosfere coinvolgenti ed ammalianti. Il pezzo migliore e più vario è in conclusione; “Someone out there”, infatti, è una cavalcata power bella tosta e trascinante, pur soffrendo della scarsa qualità della registrazione della batteria (specie di rullante e doppia-cassa). Gli Invictus hanno parecchia strada da fare, in primis devono migliorare la registrazione della loro musica, magari affidandosi ad un produttore qualificato; credo poi che con lo studio potranno affinare ancora meglio le loro qualità, dato che mi sembra abbiano tutti ottime potenzialità e, con questo, forse potranno anche accrescere la loro personalità e distaccarsi un po’ dai cliché dei propri idoli. Per il momento “Burst the curse” raggiunge una sufficienza di stima; nonché di incoraggiamento per la evidente passione che questi ragazzi hanno messo nel loro lavoro, ma per il futuro ci vorrà di meglio. Alla prossima!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Serenity, ancora un ottimo lavoro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedeschi Abythic un lavoro per gli amanti dell'old school Death finnico
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Witch Vomit: una band che unisce benissimo US e Swedish Death della vecchia scuola
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riesce a destare un discreto interesse il debut album dei greci Plague
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua il processo evolutivo dei francesi Necrowretch
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Se vi piacciono i Macabre, non potete perdervi i canadesi Tales of the Tomb
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP tutto sommato soddisfacente per i tech-death metallers canadesi Moosifix
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Myrholt, un disco dispersivo che avrebbe potuto dare molto di piú.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Myrholt, le uscite che non servono..
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il quarto capitolo delle raccolte dei Mesmerize
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Fallen: Un metal vecchio stampo purtroppo poco convincente
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla