A+ A A-
 

Ascheregen rimboccarsi le maniche al più presto! Ascheregen rimboccarsi le maniche al più presto!

Ascheregen rimboccarsi le maniche al più presto!

recensioni

titolo
Untot
etichetta
Pure Underground Records
Anno

TRACKLISTING

1. Untot

2. Hey Christina

3. Lass es raus

4. Argenteum Astrum

5. Tod im Ascheregen

6. Hau ab

7. Wer bist du

8. Ascheregen

9. Schnell wie ein Hai

10. Verfolgungswahn

11. Depressiver Klon

12. Rockgott

13. Ich Bin Nicht

Total Playing Time: 50:41 min

 

 

LINE-UP

Kaleun Cronos - vocals, guitars

Lilith Frost - vocals

Kratos P. – guitars

Daniel van Helsing - keyboard, piano,

backing vocals

Leroy Blanche – drums

Herbert Maul - bass

opinioni autore

 
Ascheregen rimboccarsi le maniche al più presto! 2019-03-19 11:14:01 Federico Orano
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Federico Orano    19 Marzo, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I tedeschi Ascheregen arrivano al debutto con “Untot” disco che si muove tra sonorità heavy metal ed hard rock con un cantato in lingua madre.

Un tocco 80's molto presente ma anche qualche sonorità moderna nel sound targato Ascheregen che lungo questi tredici brani alterna sonorità potenti come nella title track e nella tirata “Lass es raus” alle melodie catchy e radiofoniche di “Hey Christina”. Sono una voce maschile ed una femminile (in realtà questultima compare ben poco) ad alternarsi al microfono ma il risultato convince fino ad un certo punto. Da ammirare la voglia della band teutonica di sorprendere e di non darsi limiti, ma in questo “Untot” c'è un po' di tutto e la tracklist risulta un po' slegata oltre al fatto che di brani di livello notevole non se ne trovano e arrivare alla fine del disco (che sembra durare molto più dei 60 minuti effettivi!) non è così semplice. Il tocco moderno e quasi elettronico di “Argenteum Astrum” convince poco (ma magari può ricordare i Rammstein) ed il cantato di Kaleun Cronos non riesce ad emozionare neanche nei momenti più ricercati come nella ballata “Tod im Ascheregen”.

Un esordio che non verrà ricordato nel tempo. Per gli Ascheregen di strada da fare ce n'è parecchia. Non so come si dica in tedesco ma: rimboccarsi le maniche al più presto!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla