A+ A A-
 

I Wretch tirano dritto per la propria strada fatta di heavy classico e us power. I Wretch tirano dritto per la propria strada fatta di heavy classico e us power.

I Wretch tirano dritto per la propria strada fatta di heavy classico e us power.

recensioni

gruppo
titolo
Man Or Machine
etichetta
Pure Steel Records
Anno

TRACKLISTING

1. Man Or Machine

2. Destroyer Of Worlds

3. Schwarzenberg

4. Steeler

5. Strike Force One

6. Requiem Aeternam

7. The Inquisitor Trilogy Part I: Castle Black

8. The Inquisitor Trilogy Part II: The Inquisitor

9. The Inquisitor Trilogy Part III: Fire, Water, Salt and Earth

12. Man Or Machine (Acoustic) -Hidden Track

Total Playing Time: 44:36 min

 

 

LINE-UP

Juan Ricardo – vocals

Michael Mjölnir Stephenson – guitars,

keyboard

Tim Frederick – bass, backing vocals

Nick Giannakos – guitars

Jeff Curenton – drums

opinioni autore

 
I Wretch tirano dritto per la propria strada fatta di heavy classico e us power. 2019-03-25 08:48:16 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    25 Marzo, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Terzo disco per l'act statunitense Wretch, band in arrivo da Cleveland che può vantare all'interno della propria formazione qualche musicista di esperienza come Juan Ricardo alla voce (Ritual, Sunless Sky, ex Stryker etc...) e Nick Giannakos alle chitarre (Destructor, ex Breake,).

Con un sound di chiaro stampo heavy ottantiano ed us power, i Wretch sono la band che farà la gioia dei vari fans di Metal Church e Judas Priest (questi ultimi omaggiati con la cover di "Steeler"). Insomma se amate l'heavy potente ma ricercato songs come la title track e “Destroyer Of Worlds” dimostrano che i Wretch ci sanno fare. La band riesce ad inserire interessanti melodie ed atmosfere epiche come nella riuscitissima “Requiem Aeternam” che presenta un tocco progressivo alla Queensryche ma successivamente, la seconda parte della tracklist mostra un sensibile calo di ispirazione lasciandoci sulle note acustiche della title track.

“Man Or Machine” è un lavoro di heavy metal onesto per una band, i Wretch, che a testa bassa tira dritto per la propria strada.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Heat Of Damage non convincono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco eterogeneo ma interessante per i Black Sites
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per gli Embludgeonment ed il loro Brutal Death estremamente canonico
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Allegaeon tornano con un album semplicemente privo di difetti
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Winter Owl si presentano con questo bell'ep d'esordio.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal freddo Minnesota il Doom/Death melodico di scuola finnica dei Cold Colours
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Oculum Dei peccano purtroppo in personalità
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rabbiosa denuncia socio-politica di Anthony Kaoteon con il suo progetto Death Tribe
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un inizio promettente per gli SkyEye
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
West Of Hell: né carne, né pesce
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla