A+ A A-
 

Un live album quello dei Quiet Riot capace di trasmettere energia a dosi massicce Un live album quello dei Quiet Riot capace di trasmettere energia a dosi massicce

Un live album quello dei Quiet Riot capace di trasmettere energia a dosi massicce

recensioni

titolo
One Night In Milan
etichetta
Frontiers Records
Anno

Tracklisting:

1.Run For Cover

2.Slick Black Cadillac

3.Mama Weere All Crazee Now

4.Whatever It Takes

5.Terrified

6.Love's A Bitch

7.Condition Critical

8.Thunderbird

9.Party All Night

10.Freak Flag

11.I Can't Get Enough

12.Wild & The Young

13.Let's Get Crazy

14.Cum On Feel The Noize

15.Bang Your Head

 

Lineup:

Frankie Banali, Drums

Chuck Wright, Bass

Alex Grossi, Guitar

James Durbin, Vocals

opinioni autore

 
Un live album quello dei Quiet Riot capace di trasmettere energia a dosi massicce 2019-03-25 09:55:20 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    25 Marzo, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I leggendari Quiet Riot alle prese con la performance del Frontiers Rock festival edizione 2018. Una gioia per i fans italiani (e non solo) per la prima esibizione di sempre nella nostra penisola.

Un live infuocato che trova testimonianza con questa uscita discografica che ci riporta sul palco del Live Club di Trezzo. I Quiet Riot guidati dal singer James Durbin (ottima prestazione la sua) e con la presenza dei membri storici Frankie Banali alla batteria, Chuck Wright al basso e Alex Grossi alle chitarre, incendiano lo scenario con una scaletta piena di grandi successi con songs ripescate da dischi storici come "Metal Health". Ed il pubblico non può che farsi partecipe già dalle prima note con l'accoppiata formata da “Run For Cover” e “Slick Black Cadillac” e poi cantando sulla coinvolgente “Mama Weere All Crazee Now”. Non poteva mancare la favolosa “Wild & The Young” pescata dal disco “QR III” che arriva dopo un paio di estratti dal lavoro più recente di casa Quiet Riot, quel “Road Rage” pubblicato ormai due anni fa ed omaggiato qui con “Freak Flag” e “I Can't Get Enough”. Nel finale arrivano altri fuochi d'artificio con pezzi come “Let's Get Crazy”, la famosissima “Cum On Feel The Noize” e “Bang Your Head” capaci di trasmettere adrenalina allo stato puro.

Un live album capace di trasmettere energia a dosi massicce. “One Night In Milan” è un lavoro consigliato non solo ai fans dei Quiet Riot ma anche a chi vuole scoprire per la prima volta questa leggendaria band,

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Heat Of Damage non convincono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco eterogeneo ma interessante per i Black Sites
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per gli Embludgeonment ed il loro Brutal Death estremamente canonico
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Allegaeon tornano con un album semplicemente privo di difetti
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Winter Owl si presentano con questo bell'ep d'esordio.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal freddo Minnesota il Doom/Death melodico di scuola finnica dei Cold Colours
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Oculum Dei peccano purtroppo in personalità
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rabbiosa denuncia socio-politica di Anthony Kaoteon con il suo progetto Death Tribe
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un inizio promettente per gli SkyEye
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
West Of Hell: né carne, né pesce
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla