A+ A A-
 

Karmalove dei The Lust: quando non si hanno idee chiare! Karmalove dei The Lust: quando non si hanno idee chiare! Hot

Karmalove dei The Lust: quando non si hanno idee chiare!

recensioni

gruppo
titolo
Karmalove
etichetta
Autoproduzione
Anno

1. Run
2. Faster
3. Karmalove
4. I’m Your New Religion
5. What A Disorder
6. Our Farewell
7. Cold Hands 
8. VIII
9. Nevermind
10. Nail In My Wound 

opinioni autore

 
Karmalove dei The Lust: quando non si hanno idee chiare! 2019-04-03 07:50:01 ENZO PRENOTTO
voto 
 
2.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    03 Aprile, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nati nel 2002 a San Pietroburgo, i russi The Lust ritornano sulla scena con un nuovo album ossia il qui presente Karmalove che vede la presenza della nuova cantante Anna Dust presente solo nel disco precedente. Difficile definire il genere proposto che pare fin troppo opaco e scarsamente deciso o definito per essere compreso appieno ma si descriveranno i dettagli in seguito.

Da un lato il fatto di non essere ingabbiati in un genere definito sarebbe anche un pregio ma in questi casi non è esattamente così. La band purtroppo non ha nessuna chiara idea di dove andare a parare e si sente. Non va dimenticato in primis che il gruppo ha a disposizione ben tre tastieristi e non si capisce come mai il disco sia così povero di sonorità quando ci dovrebbe essere un pathos talmente enorme da far impallidire anche un film come Excalibur. Andando in dettaglio sulle tracce si trova un po’ di tutto: un certo rock gotico aleggia in episodi come “Run” e “Faster” per poi diventare più elettronico nella spenta “Religion” (o anche la fiacca “VIII”), la tiletrack “Karmalove” presenta influenze orientali per poi esplodere in una bordata metallica più violenta ma senza incidere a dovere, in altre occasioni poi si cerca la malinconia sinfonica (“Our Farewell” e “Nevermind”) scadendo però nel piattume oppure peggio ancora nel pop alla Evanescence. Il problema non è tanto l’esecuzione che si rivela abbastanza buona, nonostante le rigide e poco espressive vocals della cantante, ma quanto nella composizione che non è chiara e bastano pochi attimi in ogni brano per far giungere la noia e cambiare canzone per poi ritrovarsi nella stessa situazione. Non c’è nulla che ci si riesca a ricordare tranne qualche leggero eco di qualche intuizione melodica ma è davvero troppo poco ed è un peccato constatando che la band non è certo nuova e di primo pelo.

Occasione mancata per questo Karmalove che si salva solo per un’intrigante copertina e per qualche leggero sprazzo di luce. Per il resto non ci siamo proprio. Si spera nel prossimo album.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Death/Black marcio e violento per la one man band statunitense Sxuperion
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano con un album marcio e malato fino al midollo gli olandesi Distant
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Distruttivo, violento e feroce: il terzo album degli israeliani Shredhead
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dispnea, black depressivo da Napoli, un grande inizio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gaahls Wyrd, un disco sopravvalutato..
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Handful Of Hate, un ritorno da brividi!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Opeth ed Agalloch (e non solo) s'incontrano nel grandioso operato degli Atlas Entity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash con sfumature prog in questo primo full-length dei tedeschi Sweeping Death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Asymmetric Universe: fusion metallica!!!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album del polistrumentista e compositore Vincenzo Marretta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante debutto cantato in francese per i Thrash la Reine
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sentiero dei Locus Animæ è illuminato dalla Luna...
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla