A+ A A-
 

Lo speed metal dei colombiani Bloodlust non stupisce Lo speed metal dei colombiani Bloodlust non stupisce Hot

Lo speed metal dei colombiani Bloodlust non stupisce

recensioni

gruppo
titolo
“Black mass”
etichetta
Iron, Blood and Death Corporation
Anno

 

TRACKLIST:

01. Black mass (The witches night)

02. Demonized wheels

03. Necrovision

04. Lucifer (The bringer of night)

05. The dark

06. Incantation of sin

07. Black souls

08. The grave digger - Animero

 

 

LINE-UP:

John Barrientos – voce e basso

Julián Rengifo – chitarra e cori

Santiago Lozano – batteria e cori

opinioni autore

 
Lo speed metal dei colombiani Bloodlust non stupisce 2019-05-01 16:37:10 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    01 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ho perso il conto di quante siano in giro per il mondo le bands chiamate Bloodlust; questa volta tocca ad un gruppo che arriva dalla Colombia ed al proprio debut album, intitolato “Black mass”, dotato di una copertina (non granché ad essere sinceri) che farebbe pensare ad un gruppo death o ad uno di black metal. Ed invece questi Bloodlust suonano speed metal, alquanto canonico, ma violento e tirato e soprattutto molto old-style. Richiami a Venom e Slayer del primo album si notano qua e là, grazie anche alla voce in screaming abrasivo e sporco del bassista John Barrientos. I numerosi ascolti concessi a questo disco, detta in tutta sincerità, nonostante io sia un fan dello speed metal, non mi hanno detto granché; se vi piace lo speed metal, l’ascolto prosegue senza intoppi o particolari problemi, ma anche senza lasciare nulla di particolare. Alla fin fine, manca una hit che spicchi dalla tracklist, manca quel quid pluris che possa distinguere il disco dalla massa di altri full-lenghts molto simili usciti nel corso degli anni. Di conseguenza, quando avrete trascorso 40 minuti ascoltando questo album, potreste rimanere, come è successo a me, con un po’ di amaro in bocca, per un qualcosa che poteva essere interessante ed invece non è stato. Auguro tutto il bene ed ogni fortuna ai Bloodlust, ma purtroppo questo “Black mass” non è in grado di raggiungere la sufficienza. Per il futuro, magari reclutando un cantante migliore, servirà fare di più e magari trovare un sound un po’ più al passo con i tempi.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un ennesimo lavoro di Rogga Johansson, stavolta con il solo project Megascavenger
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'Ucraina una band per fans di Neurosis ed Isis: i Nug, con il loro ottimo debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora un po' acerbo ma comunque godibile il debutto dei canadesi Atræ Bilis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Soddisfacente questa seconda release dei polacchi Kalt Vindur
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Finalmente i tedeschi Stillbirth tirano fuori quello che è il loro miglior album
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i greci Obsecration un ritorno guastato da una produzione non all'altezza
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Darkness perchè quella cover?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non poco interessante l'EP dei Dystopia A.D.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla