A+ A A-
 

I Braveride non convincono I Braveride non convincono

I Braveride non convincono

recensioni

gruppo
titolo
“... Of heroes and innerfire”
etichetta
Heathen Tribes
Anno

 

TRACKLIST:

1. ...Of heroes

2. Knights of victory

3. By our strenght

4. Onward

5. Through the winter

6. The seeker

7. The mission

8. On dragonwings

9. Warmage

10. Voice of the hero

 

 

LINE-UP:

Marios Christakis: guitars, orchestrations

Yrr: keyboards, additional orchestrations

Kostas Chatzigeorgiou: vocals

Kostas Mylonas: drums

opinioni autore

 
I Braveride non convincono 2019-05-04 15:56:21 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    04 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci sono dischi che, pur ascoltandoli più e più volte, quando arrivi alla fine rimani sempre con un po’ di amaro in bocca, quella sensazione dell’allievo dotato che però non si applica e potrebbe far molto meglio. Questa è la percezione che ho avuto dopo i ripetuti ascolti che ho dato a questo “... Of heroes and innerfire”, terzo album dei greci Braveride. Presentati come “epic-symphonic metal”, con una copertina simpatica, pur se piena di cliché triti e ritriti (il classico guerriero medievale con mantello su un cavallo), mi sono messo fiducioso all’ascolto e l’intro che si fonde nel primo brano “Knights of victory” facevano ben sperare. Poi, con il prosieguo della tracklist, per essere sinceri, le speranze si sono presto affievolite, anche perché di symphonic c’è un po’ troppo poco (non basta qualche gorgheggio lirico femminile e qualche passaggio di tastiere) e, soprattutto nella prima metà del disco, il ritmo fatica a decollare ed il rischio di annoiarsi è sempre dietro l’angolo. Nella seconda metà del lavoro, complice anche qualche forte inserto di power metal, le cose migliorano e l’ascolto diventa più gradevole, anche se manca quella hit che ti faccia saltare dalla sedia e valga da sola l’acquisto del disco. Se a livello strumentale non c’è nulla da dire ai musicisti greci (decisamente preparati), lo stesso discorso non vale per il singer Kostas Chatzigeorgiou, poco espressivo e con una voce non proprio affascinante, né convincente. I Braveride suonano da ormai 15 anni, ma hanno ancora bisogno di lavorare per avere qualche speranza di uscire dall’anonimato; in primis servirà un songwriting più convincente e coinvolgente (magari sfruttando meglio l’idea di contaminare l’epic di base con il power metal, come succede negli ultimi pezzi della tracklist), ma soprattutto sarà necessario un cantante decisamente migliore, pur rendendomi conto che non tutti possono essere come Fabio Lione o Georg Neuhauser (tanto per citare i primi che mi vengono in mente). “... Of heroes and innerfire” non ritengo sia in grado di raggiungere la sufficienza, ma aspetto fiducioso i Braveride al prossimo disco.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

L'esordio degli Alcotopia lascia solo intravedere buone potenzialità
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un esordio con i controfiocchi per i Reternity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nusquama - Horizon ontheemt
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ruler, una vera e propria bomba heavy metal!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Half Life, un gruppo da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalle ceneri dei Darksun, ecco i Reveal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal molto tecnico e complesso in questo secondo album degli americani The Odious
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Esordio dei Voldt: appassionati di tecnica fatevi avanti!!!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovi esponenti del metal cantato in italiano: debutto per gli Arioma!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Opeth ed Agalloch (e non solo) s'incontrano nel grandioso operato degli Atlas Entity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dispnea, black depressivo da Napoli, un grande inizio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla