A+ A A-
 

Gli Althea ci deliziano con un prog dalle forti ed evidenti componenti emotive e melodiche Gli Althea ci deliziano con un prog dalle forti ed evidenti componenti emotive e melodiche Hot

Gli Althea ci deliziano con un prog dalle forti ed evidenti componenti emotive e melodiche

recensioni

gruppo
titolo
The Art of Trees
etichetta
SLIPTRICK RECORDS
Anno

Tracklist

01. For Now

02. Deformed to Frame

03. One More Time

04. Today

05. Evelyn

06. Not Me

07. The Shade

08. The Art of Trees

09. Away From Me feat. Michele Guaitoli

10. Burnout

 

Line-up

Dario Bortot – Guitars, Keys & Synths

Alessio Accardo – Vocals

Sergio Sampietro – Drums

Andrea Trapani – Bass

opinioni autore

 
Gli Althea ci deliziano con un prog dalle forti ed evidenti componenti emotive e melodiche 2019-05-10 11:02:06 Federico Orano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Federico Orano    10 Mag, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I lombardi Althea potrebbero scrivere un libro sulla loro storia visto che bazzicano le scene fin dal 1998, anno di nascita della band. Il gruppo riesce però a pubblicare solamente alcuni demo e dopo una lunga pausa il primo full-lenght arriva nel 2014 con “Eleven”. La crescita del quintetto italiano è evidente disco dopo disco e così dopo il buon “Memories Have No Name”, arrivato tre anni più tardi, ecco arrivare nei primi mesi di quest'anno il nuovissimo “The Art Of Trees”.

Progressive metal ricercato ma dalle forti ed evidenti componenti emotive e melodiche; gli Althea lungo la tracklist che compone il nuovo disco mostrano di possedere una certa classe con un prog che lascia da parte la tecnica pura per dare ampio spazio ad emozioni e sentimenti (sono diversi i momenti soft e acustici). Tutto questo è percepibile fin dalle prime note dell'intro di “For Now”, bel pezzo diviso in più parti, o arrivando a toccare l'elegante ballata “Today” e ancora con “Evelyn”, lungo brano capace di mostrare diversi cambi di atmosfere ma che presenta melodie avvolgenti. Insomma gli Althea riescono a comporre brani efficaci con un tocco teatrale ed una certa personalità. Certo a tratti escono fuori echi di Dream Theater, evidente fonte di ispirazione di questi musicisti, ma nel complesso la band milanese riesce a trovare la propria strada con un tocco più teatrale e qualche inserto moderno qua e là che in qualche passaggio potrebbe anche ricordare qualcosa dei cugini Kingcrow, vedi “Not Me”. Arriva anche il sax ad accompagnare “The Shade” uno dei pezzi da novanta dell'intero lavoro, mentre è il progressive rock della title track ad appassionare negli oltre nove minuti di durata.

Averne di band con la personalità degli Althea. In campo progressive questo “The Art Of Trees” potrebbe essere uno dei dischi di riferimento nell'intera annata in corso.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ottavo album per i Ribspreader, uno degli innumerevoli gruppi di Rogga Johansson
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blind Cross, heavy canonico a cui manca un pò di verve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hellscream un disco solido di chiara scuola USA
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla