A+ A A-
 

StormHammer: Ora ci provano con la variante hardcore StormHammer: Ora ci provano con la variante hardcore Hot

StormHammer: Ora ci provano con la variante hardcore

recensioni

titolo
Seven Seals
etichetta
Massacre Records
Anno

01. Sleepwalker

02. Prevail

03. Under The Spell

04. Taken By The Devil

05. Seven Seals

06. Your Nemesis

07. Keep Me Safe

08. One More Way

09. Downfall

10. Deal With The Dead

11. Old Coals

 

LINE UP 

Matthias Kupka (Vocals, Guitar)
Manny Ewender (Rhythm Guitar)
Horst Tessmann (Bass Guitar)
Chris Widmann (Drums)

opinioni autore

 
StormHammer: Ora ci provano con la variante hardcore 2019-05-11 16:49:34 Gianni Izzo
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    11 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fuori il vocalist Jurgen Dachl, dentro Matthias Kupka, mi stavo appunto preoccupando, in quanto il precedente singer della band ha resistito per ben due album. Questo a dimostrazione che gli StormHammer hanno proprio un rapporto complicato con i cantanti.
Purtroppo questo non è il più grande problema della band tedesca, che continua ad ostentare sulla propria pagina Facebook la scritta “Power Metal band”, e si autodefinisce "Modern Power Metal", ma che di fatto, di volta in volta rincorre i sottogeneri metal che vanno più in voga al momento del lancio del disco.
Ed infatti Kupka è tutto, tranne un cantante power metal. Il look, le buone harsh vocals di cui l’album è zeppo, ed i suoi clean in stile sbarbatello, lo collocano molto più facilmente nella scena melo-hardcore e “Seven Seals” è più o meno li che vorrebbe andare a parare, con l'aggiunta di qualche classico riff secondo di chiara scuola teutonica, ma in breve il disco degli Storm, è il solito guazzabuglio di stili diversi uniti a forza, poche volte fortunati.
Amo le contaminazioni, ma devono essere fatte bene, qui abbiamo una “Prevail” che nella sua semplicità, è l’unico pezzo trionfalmente heavy/power, tra l'altro di vecchia scuola, altro che modern. Per il resto si hanno canzoni dai refrain fru fru, dall'andazzo molto adolescenziale e che guarda alle giovani band americane, strofe tritasassi che si poggiano alla bravura del canto estremo di Kupka, una lunghissima e noiosissima ballata dai toni oscuri, qualche riff accattivante seppur di mestiere, qualche refrain un filo più azzeccato, ma che non basta a salvare un disco per niente compatto, senza particolari highlights che si mettano in mostra dall'inizio alla fine, e che dimostrano ancora una volta che gli StormHammer non riescono proprio, ad una trentina di anni dal debutto, a creare un proprio stile che li renda riconoscibili. Nel passato più lontano hanno scritto anche cose buone, poi sono diventati purtroppo una girandola impazzita.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ottavo album per i Ribspreader, uno degli innumerevoli gruppi di Rogga Johansson
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blind Cross, heavy canonico a cui manca un pò di verve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hellscream un disco solido di chiara scuola USA
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla