A+ A A-
 

I Thundercrow si dimostrano "tamarri" al punto giusto. I Thundercrow si dimostrano "tamarri" al punto giusto. Hot

I Thundercrow si dimostrano "tamarri" al punto giusto.

recensioni

titolo
Heavy Metal Space Cowboy
Anno

PROVENIENZA: Germania

GENERE: Heavy/Thrash Metal

LINE UP:

Sasha - Batteria
Nicky Peach - Chitarra
Ace of Bass - Voce/ Basso

TRACKLIST:

1. Welcome To The Show
2. I Am The Butcher
3. Alcohol Is My Religion
4. Feed The War
5. Heavy Metal Space Cowboy
6. Rock'n'Roll Will Never Die
7. Holidays In Hell
8. A Storm Will Rise

opinioni autore

 
I Thundercrow si dimostrano "tamarri" al punto giusto. 2019-05-12 17:08:27 Marianna
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Marianna    12 Mag, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Thundercrow sono una band tedesca nata nel 2014, dalle classiche e potenti sonorità Heavy unite alle più svariate influenze: Rock, Thrash, Punk, ecc.. Esse hanno dato vita a Heavy Metal Space Cowboy, disco uscito il 27 Luglio dello scorso anno.

In apertura troviamo un vero e proprio inno: “Welcome To The Show”, pezzo dalla durata di circa cinque minuti e che fa da “biglietto da visita” per la la band. Esso è contraddistinto da una forte carica sprigionata da “taglienti” chitarre, unita alla “sporca”voce del cantante Ace of Bass ; ad accompagnarlo troviamo un coro “grezzo” che ricorda molto quello dei “personaggi alticci” dell'Oktoberfest. Quest'ultimo sarebbe da migliorare per quanto concerne la registrazione ma, probabilmente, i Nostri hanno voluto mantenere l'effetto “nudo e crudo” per rendere a pieno lo spirito “rude” e diretto della loro musica. Su questa “scia” troviamo “Alcohol is My Religion”, in cui spiccano lunghi assoli di chitarra uniti ad un suono tipicamente anni 80, il quale muta totalmente nel ritornello. Esso è più Punk, vagamente Rancid style e dal ritmo serrato che genera una “pogata selvaggia”. Alla posizione cinque incontriamo l'omonima title-track, con un intro che lontanamente ricorda i Mötley Crüe di “Too Young To Fall In Love”. Rombandi motociclette ed uno stile Heavy Metal Old School, fanno da sfondo ad un pezzo incisivo e che sembra uscito dal passato. Segnaliamo anche “A Storm Will Rise” dagli “stacchi” di cantato molto Rock'n'Roll, seguiti subito dal duro sound del Metal; da notare come i rapidi passaggi musicali siano uniti da lunghi assoli di chitarra, i quali “smorzano” le differenze tra i diversi generi.

Heavy Metal Space Cowboy è un album che possiamo definire “tamarro”, al punto giusto. Unisce Heavy e Thrash Metal “vecchia scuola” ad una parte corale più Punk e moderna (sebbene quest'ultima andrebbe migliorata ndr.). Il suono è molto “grezzo”, una registrazione che (probabilmente) andava curata meglio, ma che dà alle stampe un disco interessante.
Unico suggerimento: forse andava ridotta la lunghezza delle tracce; quasi tutte sfiorano i cinque e sei minuti, risultando a volte “pesanti” e ripetitive.
I Thundercrow offrono un album fatto di otto pezzi senza tanti “fronzoli”, semplice e diretto, che unisce Old School e moderno.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ottavo album per i Ribspreader, uno degli innumerevoli gruppi di Rogga Johansson
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blind Cross, heavy canonico a cui manca un pò di verve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hellscream un disco solido di chiara scuola USA
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla