A+ A A-
 

Midnight Bullet, che scoperta!! Midnight Bullet, che scoperta!! Hot

Midnight Bullet, che scoperta!!

recensioni

titolo
"Into the fire"
etichetta
Inverse Records
Anno

 

TRACKLIST:

1. Ain’t dead yet

2. Into the fire

3. Rise

4. Over the edge

5. One man war

6.Second chances

7. No turning back

8. Break me first

9. Quiet whisper

10. Morning star

11. One by one

12. Leavings

 

 

LINE-UP:

Tuomas Lahti - vocals, rhythm guitar

Mikko Nokelainen - drums

Lauri Ikonen - lead guitar

Mirko Miettinen - bass

opinioni autore

 
Midnight Bullet, che scoperta!! 2019-05-19 09:46:15 Ninni Cangiano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    19 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non conoscevo i finlandesi Midnight Bullet, band formatasi nel 2009 con all’attivo due full-lenghts nel 2012 e 2015, oltre a numerosi singoli; così, quando ci è stata proposta la recensione di questo nuovo album, intitolato “Into the fire”, mi ci sono dedicato con curiosità. Sin dalle prime note dell’opener “Ain’t dead yet” sono rimasto favorevolmente sorpreso; l’heavy metal dei Midnight Bullet è davvero piacevole e ben fatto, oltre che decisamente al passo con i tempi. C’è poi la voce splendida, piena e corposa, oltre che decisamente espressiva, di Tuomas Lahti a fare la differenza in positivo, tanto che mi ha ricordato quella del grandissimo Ville Laihiala (10 minuti di vergogna per chi non lo conosce!). Ecco, una tonalità come quella di Lahti, non particolarmente acuta, ma profonda e “piena”, conferisce quasi un tocco gothicheggiante che mi ha fatto pensare alle ultime produzioni dei Sentenced e poi dei Poisonblack. I Midnight Bullet, però, a differenza delle predette bands, ci mettono parecchio groove sulle chitarre, rendendo decisamente più heavy la loro proposta musicale, grazie anche ai numerosi assoli dell’ottimo Lauri Ikonen. Le atmosfere create dalla voce e dal basso di Mirko Miettinen (a volte anche splendido protagonista), danno quel tocco malinconico che dovrebbe riflettersi anche nei testi che, da quanto leggo, parlano di fobie, ansie, insicurezza e depressione. Nei 12 pezzi che compongono questo disco, non ho trovato nemmeno una virgola fuori posto e sono parecchi i brani che possono assumere il ruolo di hit, in grado di conquistare e convincere pressoché immediatamente. Dalla già citata “Ain’t dead yet”, passando per la splendida “Rise” (la mia preferita), oppure per le veloci “One man war” e One by one”, la ruffiana “Second chances” o la struggente “No turning back”, sono davvero tante le tracce di spessore e livello qualitativo fuori dal comune. E’ comunque tutto il disco nella sua interezza a meritare ogni apprezzamento ed è raro trovare lavori così compatti, in cui, mi preme ribadirlo, non c’è assolutamente niente che non funzioni alla perfezione. Ho scoperto una nuova ottima band, di cui adesso sono curioso di ascoltare anche i precedenti lavori. I Midnight Bullet con questo “Into the fire” hanno realizzato un grandissimo disco in campo heavy metal, da ascoltare ed assaporare. Concludo rubando la citazione finale ad un ben più noto recensore italiano: Buy or die!!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

L'esordio degli Alcotopia lascia solo intravedere buone potenzialità
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un esordio con i controfiocchi per i Reternity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nusquama - Horizon ontheemt
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ruler, una vera e propria bomba heavy metal!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Half Life, un gruppo da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalle ceneri dei Darksun, ecco i Reveal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal molto tecnico e complesso in questo secondo album degli americani The Odious
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Esordio dei Voldt: appassionati di tecnica fatevi avanti!!!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovi esponenti del metal cantato in italiano: debutto per gli Arioma!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Opeth ed Agalloch (e non solo) s'incontrano nel grandioso operato degli Atlas Entity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dispnea, black depressivo da Napoli, un grande inizio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla