A+ A A-
 

Rammstein - Rammstein Rammstein - Rammstein

Rammstein - Rammstein

recensioni

gruppo
titolo
Rammstein
etichetta
Universal
Anno

Line up:
Till Lindemann – vocals
Richard Kruspe – guitars
Paul Landers – guitars
Oliver Riedel – bass
Christoph "Doom" Schneider – drums
Christian "Doktor Flake" Lorenz – keyboards

Tracklist:
1- Deutschland
2- Radio
3- Zeig dich
4- Ausländer
5- Sex
6- Puppe
7- Was ich liebe
8- Diamant
9- Weit weg
10- Tattoo
11- Hallomann 

opinioni autore

 
Rammstein - Rammstein 2019-05-25 15:45:06 Anthony Weird
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Anthony Weird    25 Mag, 2019
Ultimo aggiornamento: 26 Mag, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Finalmente! Sono tornati i Rammstein ben dieci anni dopo l’ultimo album in studio, quel “Liebe ist für alle da” e l’impossibile da ignorare “Pussy”, con tanto di videoclip 'porno'. Ora, tra rumors su uno scioglimento imminente e divergenze interne, eccoli invece con un album del tutto nuovo, che è riuscito a creare polemiche addirittura prima dell’uscita grazie a un brano come “Deutschland”, con il “solito”, videoclip scioccante!
L’album omonimo della band parte proprio con questo pezzo, che è inoltre il primo singolo estratto, intro stile EBM con synth irrequieti subito affiancati dalle ormai celebri chitarre granitiche della band, in un crescendo che esplode subito dopo, donando la carica adrenalinica che i fan da sempre amano e che per troppo tempo hanno aspettato. La strofa pare soffrire leggermente in favore di un ritornello e drop spettacolari; una delle pochissime band capaci di unire elettronica, pop e il meglio dell’industrial di stampo tedesco, derivante direttamente dal Darkwawe, con un metal potente e predominante, massiccio e perfettamente amalgamato con tutto il resto. Il secondo brano, “Radio”, rafforza ulteriormente questo concetto, arrivando quasi a scimmiottare ciò che la radio rappresenta, con le sue canzoncine spacciate per arte. Fornisce al tipico pubblico delle canzoni da radio, appunto, qualcosa che possono ben fruire ed apprezzare, pur senza rendersi conto di esser presi per il culo. E la cosa non mi sorprende. Di tutt’altro tenore è invece l’intro sinfonica di “Zeig dich”, con cori macabri e una certa cattiveria espressa non solo nel tono di voce, ma anche nel suono delle chitarre secco e tagliente come un lama che trita le nostre orecchie servite su un piatto d’argento. La melodia tuttavia non manca e, a mio avviso, è anche un grosso punto di forza, un fiume che riesce bene ad incanalare la giusta dose di cattiveria in un brano originale e che non scende mai in banalità, soprattutto quando i cori riprendono e sembra di ascoltare una band Symphonic.
“Ausländer”, ribalta totalmente questo concetto, proponendo un brano più in linea con quelli iniziali, ma con una enorme dose “ballabile”, di puro EBM oscuro e malsano, con voci infantili in lontananza, cariche di reverbero, che sembrano urlare in un tunnel di cemento e acciaio. Un brano più calmo e meccanico, pistoni che calano al ritmo (non a caso) sessuale di “Sex”, mi ricordano immediatamente i The Sisters of Mercy di “Lucretia my Reflection”. Un brano che scorre e che suona Rammstein in modo assoluto, ma che tuttavia non risulta memorabile e, personalmente, non apprezzo l’assolo di Synth acidissimo, lasciato banalmente ai ¾ del pezzo.
Mi rinfresco le idee con “Puppe” (si, lo so, se siete toscani starete morendo dalle risate e io con voi), un pezzo disperato e cattivo, una canzone che richiama Marilyn Manson di “Torniquet”, ma senza la stessa intensità emotiva, che però è tuttavia palesemente più “metal”, con la voce di Lindermann che quasi “gratta” sul microfono le corde vocali. Solito ritmo cadenzato e regolare, per “Was ich liebe”, con un basso monotonale che tarda ad arrivare, ma che quando entra in gioco, fagocita tutto il resto. Hard Rock atmosferico che va ad impastarsi con grossi groove, senza mai rallentare di un passo, ma inesorabile, come un treno, avanza senza sosta, sempre alla stessa velocità. L’intro più tenue e dolce di “Diamant”, accoglie la voce dura e grossa di Lindermann, in una ballad molto intensa e melodica, di una atmosfera che pare c’entrare poco con il resto dell’album, ma sappiamo che i tedeschi ci sguazzano nell’essere controversi. Quasi a voler confermare quanto appena detto, arriva il Synth di “Weit weg” e a dire la verità, è l’unica cosa del brano che si fa notare, perché il resto scivola via in modo abbastanza anonimo, a parte l’alzare la voce sull’ultima parte, ma niente di memorabile. Pezzo, assolutamente molto più serio e che riaccende le speranze è “Tattoo”, che riporta alla grande l’ispirazione ai Rammstein, che tornano a picchiare forte e a lasciare il segno, con riff affilati e batteria martellante, sorrette da un basso che potrebbe muovere un edificio! Questi sono i Rammstein che mi piace ascoltare, potenti, irriverenti, consapevoli e mai banali! Ultimo step con “Hallomann”, riff di basso e un’atmosfera sinistra, su un ritmo cadenzato che, come in precedenza, non sdegna la melodia, andandosi a collocare immediatamente nella media del disco.
Per concludere, questo “Rammstein”, non è un album memorabile, né il migliore della band, ma che sicuramente ha un grande potenziale e che non deluderà i fan. Da avere per i fan della band in questione, consigliato invece per chi ama il genere.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ancient Winter, un album per mille ricordi.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stargazery, ristampa del loro bellissimo debutto di neoclassic power metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'esordio degli Alcotopia lascia solo intravedere buone potenzialità
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un esordio con i controfiocchi per i Reternity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nusquama - Horizon ontheemt
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ruler, una vera e propria bomba heavy metal!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal molto tecnico e complesso in questo secondo album degli americani The Odious
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Esordio dei Voldt: appassionati di tecnica fatevi avanti!!!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovi esponenti del metal cantato in italiano: debutto per gli Arioma!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Opeth ed Agalloch (e non solo) s'incontrano nel grandioso operato degli Atlas Entity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dispnea, black depressivo da Napoli, un grande inizio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla