A+ A A-
 

Interessante debutto cantato in francese per i Thrash la Reine Interessante debutto cantato in francese per i Thrash la Reine Hot

Interessante debutto cantato in francese per i Thrash la Reine

recensioni

titolo
“La foi, la loi, la croix”
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1. Pourchasser le dragon

2. Thrash la Reine

3. Le rédempteur

4. La peur du lendemain

5. Garde la foi

6. Du sang sur les plaines

 

 

LINE-UP:

Domm – Bass

Guillaume – Drums

Ren – Guitars, Vocals

opinioni autore

 
Interessante debutto cantato in francese per i Thrash la Reine 2019-06-08 16:05:00 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    08 Giugno, 2019
Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Thrash la Reine arrivano da Montreal in Canada e si sono formati nel 2016; a maggio si sono autoprodotti il loro primo full-lenght, intitolato “La foi, la loi, la croix”, interamente cantato in francese e con una splendida copertina in stile fumettistico. Essendo composto da soli 6 brani per poco più di 28 minuti di durata in realtà si tratta di una specie di maxi E.P., più che di un album vero e proprio. A livello di tematiche, si tratta di una sorta di concept album, basato su fatti storici accaduti nel Quebec durante i secoli. Non fatevi ingannare dal nome della band, dato che già dalla prime note dell’opener “Pourchasser le dragon” si capisce che questi canadesi sono cresciuti a pane ed Iron Maiden; l’heavy metal frizzante del primo pezzo, infatti, ricorda parecchio da vicino lo stile del gruppo di Steve Harris, anche se è irrobustito da un ottimo lavoro alla batteria. E’ solo con l’autocelebrativa “Thrash la Reine” che si sfocia su lidi più thrash. Il tutto è abbastanza old-style, pur avendo comunque una registrazione al passo con i tempi (il lavoro del producer Jacob Hansen si sente eccome!). Gli altri pezzi sono fondamentalmente heavy metal, con qualche tocco thrash e power qua e là. Se quindi cercate qualcosa di originale o innovativo, sappiate che non è questo l’obiettivo dei Thrash la Reine; il trio canadese, infatti, credo abbia intenzione di suonare solo e soltanto la musica dei propri idoli, senza curarsi di mode, o modernità, o altre amenità del genere. E devo dire che questi tre suonano proprio bene, Guillaume il batterista picchia come si deve, Domm al basso fa il suo lavoro in maniera eccelsa concedendosi anche qualche momento da solista (come l’attacco di “La peur du lendemain”), Ren infine è il protagonista del sound con la sua chitarra, concedendosi anche ottime parti soliste. Dietro al microfono il chitarrista non se la cava male, non avrà un’ugola di prim’ordine, ma tutto sommato ci sta bene con il sound del gruppo. I Thrash la Reine, con questo “La foi, la loi, la croix”, hanno realizzato un disco piacevole da ascoltare e che potrà anche farli notare in positivo, soprattutto se appassionati del buon vecchio heavy metal.

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Hollow Haze e l'ennesimo disco di grande qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un discreto lavoro per gli I, Apokalypse seppur con delle influenze fin troppo marcate
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto dei Side Effects all'insegna dell'amore per gli Iron Maiden
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Disco alquanto vario ed interessante questo quarto full-length dei Majesty of Revival
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla