A+ A A-
 

ROTTEN SOUND DI NOME E DI FATTO ROTTEN SOUND DI NOME E DI FATTO Hot

ROTTEN SOUND DI NOME E DI FATTO

recensioni

titolo
"Species At War"
etichetta
Season Of Mist
Anno

Line Up:

 

Keijo Niinimaa : voce
Mika Aalto : chitarra
Sami Latva : batteria
Kristian Toivainen : basso

 

Tracklist:

 

1 Cause

2 The Game

3 War

4 The Solution

5 Salvation

6 Peace

opinioni autore

 
ROTTEN SOUND DI NOME E DI FATTO 2013-03-05 18:48:22 Michele Alluigi
voto 
 
0.5
Opinione inserita da Michele Alluigi    05 Marzo, 2013
Ultimo aggiornamento: 06 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ognuno ha i suoi gusti, e va bene, a me il grindcore proprio non piace, ma l'etica di recensore mi impone ad ascoltare e dire la mia su ciò che mi si sottopone. E' anche possibile che magari possa scoprire in questo genere qualcosa che comunque attragga il mio interesse eppure niente, anzi, questo disco dei Rotten Sound non fa che confermare la mia teoria che un genere così estremo è solo rumore, senza né capo né coda.
Premesso che la produzione e la qualità nei brani nel complesso è veramente terribile, si sente solo un misto di voce, batteria più uno sciame di calabroni infuriati che dovrebbero essere le parti rispettivamente di basso e chitarra, vatti anche a fidare, ma mi meraviglio che sonorità simili abbiano un seguito, per giunta abbastanza elevato.
Non vi sono poi grandi spunti nel songwriting, velocità ossessiva e basta, non uno stacco, non un cambio di tempo, solo una gara tra i quattro musicisti a chi arriva primo in fondo al brano, della serie "si parte insieme e si arriva insieme e ciò che sta nel mezzo non ci interessa"; mi meraviglia che gruppi del genere rimedino anche dei contratti discografici ma, come accennato all'inizio, i gusti sono gusti.
Personalmente non userei questo disco nemmeno come frisbie, pur essendo un fan del metal estremo, ma come recita il detto “c'è un limite a tutto”; Rotten Sound non è solo il nome della band, ma può essere benissimo anche l'etichetta con cui indicarli.
A meno che non siate amanti del grindcore, passate tranquillamente oltre che non vi perdete nulla.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Quarto album per i nostri Lunarsea: il migliore della loro carriera
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Hazzerd si confermano su standard qualitativi elevati
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album interessante ma non perfetto per i nostrani Straight To Pain
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thy Catafalque ed un sound pressoché unico
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno di  Mikael Erlandsson risponde al nome di Autumn’s Child
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Alkira non entusiasmano
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Classic rock da gustare senza indugi. Fidatevi dei veterani Mallet!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I canadesi Sophist sono rimandati al prossimo lavoro (di prossima uscita)
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto per gli americani Frogg, ma con qualcosa da migliorare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album discreto per i blackened death metallers americani Deadspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante, seppur breve, il debut EP dei canadesi Unburnt
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla