A+ A A-
 

Distruttivo, violento e feroce: il terzo album degli israeliani Shredhead Distruttivo, violento e feroce: il terzo album degli israeliani Shredhead Hot

Distruttivo, violento e feroce: il terzo album degli israeliani Shredhead

recensioni

gruppo
titolo
Live Unholy
etichetta
Legend Recordings
Anno

Tracklist:

  • Live Unholy 
  • Overshadows 
  • King Maggot
  • Burn Your Master 
  • Hope Is a Mistake
  • Unmarked
  • Create Hate 
  • Fuck the World 
  • Skin the Wolf 
  • Zen 
  • The Rope

Line-up:

  • Roee Kahana - Drums
  • Yotam Nagor - Guitars
  • Aharon Ragoza - Vocals
  • Lee Lavy - Bass
  • Orel Malool - Guitars

opinioni autore

 
Distruttivo, violento e feroce: il terzo album degli israeliani Shredhead 2019-06-16 17:11:50 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    16 Giugno, 2019
Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bene signori, oggi per la prima volta vi porto una band israeliana. E che band! Si tratta degli Shredhead: creaturina nata nel 2011 proponendo un thrash metal ottantiano davvero cattivo e di impatto. Dopo aver pubblicato un paio di album con questo stile, il quintetto decide di cambiare rotta con il nuovissimo "Live Unholy". Ora siamo su lidi molto più moderni che ricalcano l'esperienza della band che più di tutte ha dato vita a quel mix tra thrash e metalcore: i Lamb Of God. Esatto, con il loro terzo album gli Shredhead fanno il giro di boa e ci presentano un prodotto a dir poco notevole.
Innanzitutto devo fare i miei più sinceri complimenti alla voce di Aharon Ragoza: un growl ed uno scream praticamente identici a quelli di Jens Kidman dei Meshuggah. La prima volta cheho ascoltato "Live Unholy" pensavo ci fosse lo svedese alla voce! Perfetto per il contesto, in grado di tirare fuori una furia omicida dalle corde vocali... un dieci pieno alla performance. Se poi ci aggiungiamo che l'intero lavoro è un tripudio di riff taglienti e aggressivi, ecco che l'album acquista un valore qualitativo non indifferente. Già dall'omonima traccia che fa da opening si capisce che aria tiri qui. Proseguendo con "Overshadows" o la successiva "King Maggot" i Lamb Of God si sentono tutti: tracce tirate da inizio a fine che faranno uscire i morti in un live. Lavoro di groove impeccabile con una batteria randellante e cadenzata e un blast beat serrato e tellurico. Tutto fila come deve e il quintetto israeliano ci fa capire che forse il cambio di stile era doveroso. Non che i precedenti lavori fossero sprecati o non all'altezza di questo, ma si capisce benissimo che l'intento era spingere ulteriormente l'acceleratore degli Shredhead.
Unico difetto? Forse l'assomigliare un po' troppo a Blythe e soci. Magari aggiungendo quel tocco in più o cambiando qualcosa nell'approccio si potrà tirare fuori un album imponente e fresco. A parte questo appunto che suona più come un mio capriccio personale, consiglio caldamente l'ascolto di "Live Unholy" a chi cerca delle sonorità thrash ma con un approccio più moderno, oppure a chi vuole andare in giro in macchina con un lavoro degno di nota a tutto volume.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Angel Witch: il marchio di Lucifero
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarleth, davvero un disco fatto bene
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Running Wild rilasciano un E.P. in attesa dell'album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Old Dead Tree: un Ep per ricordare un amico scomparso
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bastard Son, una band consigliata agli amanti del classico Death Metal floridiano
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per i veneti Ades Numen, band da seguire con interesse per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

In attesa di un nuovo album, un breve EP di cover per i calabresi Zora
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla