A+ A A-
 

I KAT bruciano sulle fiamme dell'heavy metal per confezionare un disco davvero interessante I KAT bruciano sulle fiamme dell'heavy metal per confezionare un disco davvero interessante

I KAT bruciano sulle fiamme dell'heavy metal per confezionare un disco davvero interessante

recensioni

gruppo
titolo
Without Looking Back
Anno

TRACKLISTING

1. Black Night In My Chair

2. Poker

3. Medival Fire

4. The Race For Life

5. Flying Fire

6. Wild

7. Walls Of Whispers

8. Let There be Fire

9. More

10. The Promised Land

Total Playing Time: 60:56 min

 

opinioni autore

 
I KAT bruciano sulle fiamme dell'heavy metal per confezionare un disco davvero interessante 2019-06-17 09:29:20 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    17 Giugno, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hard and heavy ben fatto per i Kat, band polacca che inizia a muoversi negli anni 80 come black metal band con dischi come '666' del 1986 o 'Bastard' del 1992.

"Without Looking Back" è un lavoro potente e roccioso fin dalle noti iniziali di “Black Night In My Chair” e nei ritmi tirati di “Poker”. Riff potenti, atmosfere oscure e l'ugola spesso roca e graffiante del singer polacco trovano un bel punto di incontro con pezzi comunque non banali come “Medieval Fire” ed il tocco hard rock/ stoner di “Let There be Fire”. Insomma immaginate un incontro tra Venom, Rage e Accept e otterrete il sound dei nostri KAT, band che non disdegna anche qualche brano più prolisso come “More” che supera gli otto minuti di durata.

Una band che non ha mai mollato tenendo alto l'orgoglio di una scena, quella polacca, mai in grado di farsi notare. Ma i KAT bruciano sulle fiamme dell'heavy metal per confezionare un disco davvero interessante.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla