A+ A A-
 

Nuovi esponenti del metal cantato in italiano: debutto per gli Arioma! Nuovi esponenti del metal cantato in italiano: debutto per gli Arioma! Hot

Nuovi esponenti del metal cantato in italiano: debutto per gli Arioma!

recensioni

gruppo
titolo
Follia
etichetta
Autoproduzione
Anno

1. La Storia di Gelert
2. Follia
3. Finestra Infuocata
4. Enigma Mondiale
5. Freya
6. Ricordi e Progetti
7. Rivoluzione
8. Vibrazioni

opinioni autore

 
Nuovi esponenti del metal cantato in italiano: debutto per gli Arioma! 2019-06-17 19:20:41 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.0
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    17 Giugno, 2019
Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una volta esistevano i Dark Moon, ad oggi invece l’evoluzione ha portato agli Arioma, trio nostrano dalla Val di Cembra (TN). La missione della band nostrana (che in questo caso non vede l’ausilio del basso fisico, ma solo di basi) è chiara e semplice: tentare la carta del metal cantato in italiano. La scelta è tosta e pochissime volte ha portato a risultati notevoli nella storia del metallo italico. L’esordio discografico "Follia" arriva poco dopo la nascita della band e si basa su uno stile musicale che prende spunto dal prog metal, power metal e da qualcosa di tradizionale, ma non accostabile totalmente al folk se non per qualche approccio melodico.

Le otto tracce dell’album scorrono abbastanza bene e l’idioma italiano si presenta discretamente. I versi infatti nella maggior parte dei casi sono buoni, però non si intersecano al meglio con le strutture sonore (“Vibrazioni”) e le linee vocali sono una sorta di mix tra Folkstone e Fiaba (“Realtà” ad esempio). Il prog metal è praticamente quasi sempre presente e viene mescolato a delle venature simil folk tradizionali (dalle forti radici nostrane), come nell’opener “La Storia di Gelert”; a volte prende pieghe più dure come in “Freya” o la quadrata “Finestra Infuocata”. Le melodie sono ben bilanciate (“Enigma Mondiale”) con gli intermezzi più potenti ed a volte raggiungono delle sfumature più epiche, come “Ricordi e Progetti”, grazie anche ad assoli evocativi. I problemi però non sono trascurabili perché minano non poco gli sforzi fatti. In primis la produzione, che seppure valorizza discretamente tutti gli elementi, è troppo grezza e sporca come pure la voce che è fin troppo incolore e senza la giusta personalità, ma il punto più a sfavore è che non ci sono veri e propri ritornelli che riescano ad entrare in testa, neppure quando si cerca di virare verso il power metal (“Rivoluzione”, troppo plasticose le tastiere). C’è una buona tecnica di fondo e la strada percorsa dà un discreto spiraglio di luce per il futuro, ma al momento è ancora troppo presto per gridare al miracolo perché la composizione è ancora troppo povera.

Un esordio coraggioso e composto con il cuore che, nonostante i vari problemi, non è totalmente da sminuire. Un ascolto va dato e non è detto che in futuro non ci siano cambiamenti sostanziali!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un lavoro senza infamia e senza lode per gli svedesi Sarcasm
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Stozhar: un interessante band ancora troppo poco conosciuta.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i brasiliani Stomachal Corrosion un album arrivato con un ritardo di almeno 25 anni
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il debut album dei belgi Orthanc
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon power metal melodico e dinamico dalla Spagna coi Nocturnia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Hunter vince e convince
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Svizzeri Freakings un quarto album valido, ma nulla di più
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rogue Deal, passione per il buon vecchio heavy
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ardityon, un esordio che farà agitare diverse capocce e brillare molti occhi
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla