A+ A A-
 

Dalle ceneri dei Darksun, ecco i Reveal Dalle ceneri dei Darksun, ecco i Reveal Hot

Dalle ceneri dei Darksun, ecco i Reveal

recensioni

gruppo
titolo
"Overlord"
etichetta
WormHoleDeath
Anno

 

TRACKLIST

01. The name of Ra

02.- I'm Elric

03.- Master of present and past

04.-The crussaders

05.- My pain

06.- Metal skin

07.- Path of sorrow

08.- It's only a show

09.- Remember my words

10.- Road of never ending

11. (bonus track) It's only a show (ft. Saeko)

 

 

LINE-UP:

Tino Hevia – Guitars

David Figuer – Guitars

Elena Pinto – Keyboards

Jorge Ruiz – Bass

Daniel Cabal - Drums

Rob Lundgren - Vocals

opinioni autore

 
Dalle ceneri dei Darksun, ecco i Reveal 2019-06-22 11:45:10 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    22 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi si ricorda dei Darksun? La band spagnola nel decennio scorso sfornò diversi buoni dischi, fra cui spiccava l’ottimo “The dark side” (versione inglese dello spagnolo “El lado oscuro”), per poi fermarsi definitivamente alcuni anni addietro. Adesso il chitarrista Tino Hevia ha fondato una nuova band, chiamata Reveal, reclutando attorno a sé alcuni musicisti che hanno militato con lui nei Darksun, come l’altro chitarrista David Figuer, la tastierista Elena Pinto ed il batterista Daniel Cabal; dalla Spagna arriva anche il bassista Jorge Ruiz, mentre a cantare c’è il singer svedese Rob Lundgren. I Reveal hanno già rilasciato nel 2017 il debut album “Timeline” (a me sconosciuto), mentre oggi parleremo del secondo disco, intitolato “Overlord”, con splendido artwork realizzato dal mitico Felipe Machado Franco, uscito a fine maggio per l’etichetta italiana WormHoleDeath. Abituato alla musica estrema rilasciata da questa label, sono rimasto sorpreso nello scoprire che avevano licenziato un disco di heavy/power metal! Già, perchè i Reveal (da non confondere con gli omonimi svedesi che, tanto per rimanere in tema, suonano musica estrema) fanno davvero un genere musicale molto catchy e decisamente piacevole da ascoltare, nonostante un singer più indicato per l’hard rock (assomiglia parecchio come stile a Bon Jovi!) che per questo genere di metal. I pezzi che compongono “Overlord” sono 10, a cui si aggiunge una bonus track che non è altro che la riproposizione dell’ottava traccia “It’s only a show”, con ospite la cantante giapponese Saeko a duettare con Lundgren. I 10 brani sono tutti abbastanza compatti e si vede che abbiamo a che fare con musicisti esperti, dato che il songwriting è bello conciso, senza che vi siano tentazioni di strafare o mettersi troppo in mostra. Probabilmente manca la hit che spacca di brutto e che valga da solo l’acquisto del disco; tutto sommato però, considerando che i vari ascolti dati al disco sono sempre stati molto gradevoli (nonostante la voce non mi abbia convinto pienamente per i motivi suddetti), posso affermare che “Overlord” dei Reveal passa sicuramente l’esame con buoni voti.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla