A+ A A-
 

Stargazery, ristampa del loro bellissimo debutto di neoclassic power metal Stargazery, ristampa del loro bellissimo debutto di neoclassic power metal

Stargazery, ristampa del loro bellissimo debutto di neoclassic power metal

recensioni

titolo
Eye On The Sky
etichetta
Pure Steel Records
Anno

TRACKLISTING

Side A

1. Dying

2. Puppet On A String

3. I Am The Night

4. Eye On The Sky

5. How Many Miles

6. Everytime I Dream Of You

Side B

1. Judah (The Lion)

2. S.O.S

3. Jester Of Kings

4. Headless Cross

5. Rescue Me (Bonustrack)

Total Playing Time: 47:40 min

 

Diskografie

1. Dying (2007, Single)

2. Eye On The Sky (2011)

3. Star Aligned (2015)

 

LINE-UP

Jari Tiura – vocals

Pete Ahonen – guitars, backing vocals

Jukka Jokikokko – bass, backing vocals

Marco Sneck – keyboards

Jussi Ontero – drums

opinioni autore

 
Stargazery, ristampa del loro bellissimo debutto di neoclassic power metal 2019-06-25 09:34:55 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    25 Giugno, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due dischi alle spalle per i finlandesi Stargazery band messa in piedi dal leader e chitarrista Pete Ahonen (Burning Point e tante altre band) cercando di creare un sound che unisse il power metal nordico con un tocco neoclassico alle sonorità classiche dei Rainbow.

“Eye On The Sky” è il debutto, dato alla luce nel 2011, un gran esempio di melodic metal vario dove tutta la tracklist, composta da undici pezzi, riesce ad appassionare. Ora questo disco viene stampato in vinile dalla Pure Steel in modo che tutti gli appassionati possano riscoprirlo. Un debutto davvero valido sia nei pezzi più rilassati, vedi i mid tempos “Headless Cross” e “I Am The Night”, sia nei brani tirati come la title track, fino alla power ballad "Everytime I dream of you". Con l'ottima performance del singer Jari Tiura (ex-MSG-vocalist) pezzi epici come “Judah (The Lion)” e “How Many Miles ” esplodono forte dallo stereo. Ottimo anche il lavoro dietro la batteria per Jussi Ontero mentre solos di chitarra e tastiera si intrecciano durante lo scorrere delle song.

“Eye On The Sky” è un gran bel disco sotto ogni punto di vista e questa è l'occasione di farlo vostro se non ne siete già in possesso.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla