A+ A A-
 

Ancient Winter, un album per mille ricordi. Ancient Winter, un album per mille ricordi. Hot

Ancient Winter, un album per mille ricordi.

recensioni

titolo
Through The Black Obedience
etichetta
VL Records
Anno

Tracklist:

1. Intro 

2. Ancient Winter

3. Culla di Juda 

4. Human Plague

5. Path

6. Monach

7. Agnese

8. Spirito Errante

opinioni autore

 
Ancient Winter, un album per mille ricordi. 2019-06-25 18:03:15 Rob M
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Rob M    25 Giugno, 2019
Ultimo aggiornamento: 25 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ancient Winter é un progetto "nuovo", se cosí vogliamo dire. Eppure, il disco d'esordio di questo progetto italiano puzza di morte e muffa.
"Through The Black Obedience" é a suo modo un lavoro che si potrebbe avvicinare a ció che le famigerate Black Legions han vomitato anni fa!
Il riff tagliente, la batteria programmata, la voce distorta, son tutti elementi che caratterizzano un album velenoso e mortifero.
Eppure ci son altre similitudini che si potrebbero vagamente riconoscere nel sound del progetto, come per esempio quel leggero sentore che ricorda i Goat Horns, ma anche gruppi storici come Beherit!
Il tutto risulta abrasivo, malsano eppure non limitato a ció che centinaia di band propongono nel muoversi attraverso questo tipo di sonoritá.
Brani come "Culla di Juda" o la successiva "Human Plague" risultano essere totalmente riusciti e, da un certo punto di vista, é davvero ammirevole il fatto che questo progetto alla sua prima uscita possa partorire black metal di questo livello.
Non aspettatevi niente di innovativo, ma anzi uno spaccato black da primi anni del nuovo millennio. Un disco nostalgico e che vive di luci ed ombre, nell'attesa che un nuovo capitolo venga dato alle stampe e offerto al pubblico! Un lavoro per die-hard-fans che fará la gioia di chi, come me, apprezza il suo black metal marcio al punto giusto!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla