A+ A A-
 

Extrema: Italian Thrash Lords Extrema: Italian Thrash Lords Hot

Extrema: Italian Thrash Lords

recensioni

gruppo
titolo
Headbanging Forever
etichetta
Rockshots Records
Anno

LINE UP:
Tommy Massara: guitars
Tiziano Spigno: vocals
Gabri Giovanna: bass
Francesco “Frullo” La Rosa: drums

TRACKLIST:
01. The Call
02. Borders Of Fire
03. For The Loved And The Lost
04. Heavens Blind
05. Pitch Black Eyes
06. Headbanging Forever
07. Believer
08. Invisible
09. Paralyzed
10. The Showdown

opinioni autore

 
Extrema: Italian Thrash Lords 2019-07-06 15:45:07 MASSIMO GIANGREGORIO
voto 
 
4.5
Opinione inserita da MASSIMO GIANGREGORIO    06 Luglio, 2019
Ultimo aggiornamento: 06 Luglio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Settima fatica full-lenght in studio per questi precursori del thrash in terra italica! Questi autentici pionieri nostrani del genere, infatti, solcano il suolo natìo fin dal lontano 1982 con il monicker “Killdozer” ideato da Diego Colombo e Stefano Bullegas. Il 1986 è stato l’anno in cui il Maestro d’Ascia Tommy Massara, nella metropoli meneghina, rilevando Bullegas, ha (RI)fondato un combo di trashers che potesse avere – come mission – quella di rinverdire i fasti del thrash metal californiano, quello della Bay Area, tanto per intenderci.
Da allora, senza compromessi, senza “se” e senza “ma”, i nostri quattro horsemen milanesi hanno sempre portato alto il vessillo che fu di nomi altisonanti come Exodus, Flotsam & Jetsam, Testament (of course, senza considerare i titani Metallica e Megadeth). Quindi, ecco i potentissimi chitarroni lanciati a velocità supersoniche in riffs tritacarne ed in assoli a ghigliottina (master Tommy), bassi tellurici intorcina-viscere (Gabri), drumming estremamente dinamico con doppia cassa “comesenoncifosseundomani” (Francesco) e ugole al vetriolo (Tiziano) come da canoni del genere, ma sempre rivisitati, arricchiti e riproposti con freschezza e dati in pasto a furenti metalbangers affamati! Si sa, dove c’è l’acciaio non vi è ruggine di sorta ed i nostri non fanno eccezione, presentandosi al cospetto dei suddetti affamati in gran spolvero e tirati a lucido come canne di cannoni in condizioni di vomitare ordigni pesantissimi incessantemente, finché ci sarà ancora un grammo di adrenalina in corpo!
Finché ci saranno gli Extrema, il thrash in Italia avrà il suo baluardo invalicabile ed headbanging sarà per sempre!!!
E adesso scusate, ma devo andare a recuperare la mia testa; si è staccata durante l’ascolto e sarà andata a finire chissà dove…

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Hollow Haze e l'ennesimo disco di grande qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un discreto lavoro per gli I, Apokalypse seppur con delle influenze fin troppo marcate
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto dei Side Effects all'insegna dell'amore per gli Iron Maiden
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Disco alquanto vario ed interessante questo quarto full-length dei Majesty of Revival
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla