A+ A A-
 

Un discreto lavoro per gli I, Apokalypse seppur con delle influenze fin troppo marcate Un discreto lavoro per gli I, Apokalypse seppur con delle influenze fin troppo marcate

Un discreto lavoro per gli I, Apokalypse seppur con delle influenze fin troppo marcate

recensioni

titolo
Destroyer of Worlds
etichetta
PRC Music
Anno

PROVENIENZA: Canada 

GENERE: Black/Death Metal 

FFO: Behemoth, Belphegor, Hate, Marduk 

LINE UP: 
Minos - guitars, vocals 
Marthyn - guitars, vocals 
Audeath - bass 
Amarük - drums 

TRACKLIST: 
1. Eschatology [00:52] 
2. Of Terror and Torment [04:27] 
3. Destroyer of Worlds [05:24] 
4. Ripped by Dimension [04:34] 
5. Soul-Scarved [04:41] 
6. Black Death [03:29] 
7. Leviathan Rise [04:16] 
8. The Becoming [04:40] 
9. Flaying Living Disgrace [06:30] 

Running time: 38:53 

opinioni autore

 
Un discreto lavoro per gli I, Apokalypse seppur con delle influenze fin troppo marcate 2019-07-20 16:37:05 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    20 Luglio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debuttano con "Destroyer of Worlds" su PRC Music i canadesi I, Apokalypse, band che si è fatta notare l'anno scorso con il singolo "An End Shall not Come Without Flames". Provenienti dalla capitale mondiale del Progressive Death (la zona del Québec), il quartetto è invece dedito ad un tagliente Black/Death le cui influenze sono facilmente riscontrabili; nel sound degli I, Apokalypse, infatti, è possibile trovare un perfetto mix tra il Black/Death della scuola polacca e la ferocia del Black svedese: Behemoth, Hate, Marduk, ma anche Belphegor sono stati i gruppi fondamentali per la nascita di quanto possiamo ascoltare in "Destroyer of Worlds". Possiamo partire col dire che il punto di forza principale del debutto della band canadese sta sicuramente nella produzione: potente e con suoni perfettamente bilanciati, aiuta non poco gli I,Apokalypse a rendere giustizia alla loro proposta. Una proposta che però, d'altro canto, sembra ancora soffrire un po' di 'citazionismo': "Destroyer of Worlds" non è affatto un brutto album, sia chiaro da subito questo, anzi l'assalto all'arma bianca dei nostri è il classico massacro sonoro che gli amanti di questo sound prediligono... ma è anche vero che il songwriting degli I, Apokalypse risulta al momento mancante di una certa dose di personalità, di quel quid unico che renderebbe la loro proposta musicale ancor più interessanti di quanto già non sia. Gli otto brani che compongono "Destroyer of Worlds" (non contiamo l'intro "Eschatology") sono tutti di pregevole fattura, questo nessuno lo mette in dubbio, ma è il sembrare troppo simili ad altri gruppi ben più altisonanti che un po' lascia con l'amaro in bocca, visto che a fine ascolto si ha come la sensazione che dalla band canadese sia lecito aspettarsi molto di più grazie alle innate capacità che, ahimè, restano qui troppo nell'ombra.
Ciò non toglie che se siete die hard fans delle sonorità dei gruppi succitati, allora il debut album degli I, Apokalypse potrebbe stuzzicare decisamente il vostro palato. "Destroyer of Worlds" è un album che ci sentiamo di promuovere, ma con qualche piccola riserva: in futuro ci sarà bisogno di maggiore personalità per uscire da quell'ombra che da un lato può essere troppo ingombrante.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla