A+ A A-
 

I Culloden ed una proposta anacronistica I Culloden ed una proposta anacronistica Hot

I Culloden ed una proposta anacronistica

recensioni

gruppo
titolo
"Witchpricker"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1.      Undisfarne

2.      Hills of Culloden

3.      Witchpricker

4.      Red cliff

 

 

LINE-UP:

Karl Moore - Rhythm Guitar

Ryan Thompson - Lead Guitars

Stefan Rosic - Lead Guitars

Alex Connor - Drums

Andrew Halliday - Bass and vocals

opinioni autore

 
I Culloden ed una proposta anacronistica 2019-07-31 15:51:53 Ninni Cangiano
voto 
 
1.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    31 Luglio, 2019
Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Culloden devono il loro nome ad una battaglia combattuta nel 1746 nelle Highlands scozzesi, ma arrivano dall’Inghilterra, patria della NWOBHM degli anni ’80. E cosa suonano questi cinque inglesi? Esattamente il buon vecchio heavy metal come andava di moda circa 35 anni fa. E’ evidente quindi che la band non punta alla modernità, ma suona solo e soltanto la musica del proprio cuore ed, in quanto tale, merita ogni rispetto e considerazione. La band è attiva dal 2010, ma solo nel 2018 ha rilasciato il proprio primo lavoro, un E.P. intitolato “Witchpricker”, dotato di artwork non eccezionale. E come suonano i Culloden? Se a livello strumentale possiamo anche essere su livelli accettabili (il terzo chitarrista Stefan Rosic si unirà alla band solo dopo le registrazioni), sono ben altri i problemi. In primis il cantante Andrew Halliday farebbe bene a concentrarsi solo nel suonare il basso e lasciar stare il microfono ad un cantante migliore; il suo screaming aggressivo e monocorde sostanzialmente non c’entra niente con l’heavy classico della band che richiede un’ugola più educata, espressiva e meno arrabbiata. Oltretutto anche la produzione non è delle migliori (ma trattandosi di un primo demo, possiamo anche tollerarlo), con la voce registrata a volume troppo alto rispetto agli altri strumenti. Ma il vero problema dei Culloden è purtroppo nel songwriting. Quasi 25 minuti di durata per solo 4 pezzi sono un’enormità; l’ascolto è difficoltoso e si rasenta spesso e volentieri la noia a causa di un’eccessiva prolissità, dovuta ad un’evidente voglia di strafare. I primi tre pezzi non sono efficaci, ma tortuosi e non danno alcuna sensazione positiva, se non nelle parti soliste delle due chitarre; si migliora leggermente nella finale aggressiva “Red cliff” (unica dalla breve durata), ma è troppo poco per salvare questo lavoro. Va bene la passione, che va sempre rispettata, va bene anche l’amore per certe sonorità old-style, ma questo “Witchpricker” dei Culloden, oltre ad essere anacronistico, non colpisce in positivo e non si lascia ascoltare gradevolmente. Nel giugno 2019 la label Heathen Tribes ha ristampato questo lavoro ma, detta in tutta sincerità, c’è molto, ma molto di meglio in giro.

Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

i nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla