A+ A A-
 

Un Death Metal che più old school non si può: tornano dopo quindici anni i Lord Gore Un Death Metal che più old school non si può: tornano dopo quindici anni i Lord Gore

Un Death Metal che più old school non si può: tornano dopo quindici anni i Lord Gore

recensioni

gruppo
titolo
Scalpels for Blind Surgeons
etichetta
Everlasting Spew Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Death Metal/Grindcore 

FFO: Impetigo, Repulsion, Massacre, Autopsy 

LINE UP: 
Gurge - vocals 
Dr. Hordak Scum - guitars 
Maniac Neil - guitars 
Jesus H. Dump - bass 
Colon Bowel - drums 

TRACKLIST: 
1. Planet of Forgotten Flesh [04:02] 
2. The Deformer [06:31] 
3. Incubation Sickness [03:02] 
4. Lord of the Flies [03:51] 
5. Daudiskegg [03:25] 
6. Spare Parts [02:05] 
7. The Crawling [04:37] 
8. Million Maggot March [02:55] 
9. Reborn in the Blood of my Enemies [05:00] 
10. Enthenogenocide [02:34] 
11. Attack of the Stem Cell Junkies [04:25] 

Running time: 42:27 

opinioni autore

 
Un Death Metal che più old school non si può: tornano dopo quindici anni i Lord Gore 2019-08-08 16:14:23 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    08 Agosto, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Siete amanti delle sonorità Death Metal più marce, sepolcrali e melmose? Non volete sapere nemmeno lontanamente dove stia di casa la melodia? Adorate alla follia dischi come "Mental Funeral" degli Autopsy o "Horrified" dei Repulsion? A distanza di anni vi sentita ancora vedovi degli Impetigo? Orbene, oggi potete gioire, ché sono tornati i Lord Gore! "Scalpels for Blind Surgeons", licenziato dalla nostra Everlasting Spew Records, è il primo album dopo 15 anni per i death-grindcorers statunitensi, riformatisi nel 2017 dopo ben 11 anni dallo scioglimento. E non che sia cambiato tantissimo da quel "Resickened" che fu all'epoca il canto (putrido) del cigno della band di Portland: siamo con i Lord Gore sulle sponde del lato più marcio, come detto, del Death Metal, con sonorità che hanno reso famosi i gruppi succitati, Lord Gore stessi compresi, seppur in tono minore rispetto ai colleghi. Ed è tutto qui il punto focale allora come oggi: i Lord Gore sono una band più che discreta, ma ad oggi manca ancora nel loro carniere quel capolavoro che può renderli immortali come quelli già citati di Autopsy e Repulsion o i due degli Impetigo. I brani in "Scalpels for Blind Surgeons" fanno esattamente il loro dovere e non scendono mai sotto un livello qualitativo più che accettabile - e mi riferisco in primis alle varie "Incubation Sickness", "The Crawling" e la lunga "The Deformer" -, ma nel complesso pur rispettando perfettamente tutti i canoni del genere ed offrendo una buona prestazione, più in là di una sufficienza quest'album non riesce ad andare. Meritatissima e raggiunta in scioltezza, ma sempre sufficiente. Ciò non toglie che, come scritto nell'incipit di questa recensione, i tanti amanti di questo particolare sound avranno di che essere felici per il ritorno di una band da annoverare tra i veterani del genere.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

i nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla