A+ A A-
 

Album di debutto per gli Empathica, improntato su un metal sinfonico con due voci soliste. Album di debutto per gli Empathica, improntato su un metal sinfonico con due voci soliste. Hot

Album di debutto per gli Empathica, improntato su un metal sinfonico con due voci soliste.

recensioni

gruppo
titolo
The Fire Symphony
etichetta
autoprodotto
Anno

Line-up:

Alessia De Benedictis - vocals

Francesco Gambarini - guitars

Filippo Tezza - bass, vocals

Giacomo Savina - piano, keyboards

Francesco Falsiroli - drums

 

Tracklist:

1. Invocation

2. Fallen Master Pleasure

3. Prophecy

4. Religio

5. What We Have To Die For

6. Silius Messor Animarum

7. Death Came Twice

8. Graceless Times

9. The Fire Symphony

opinioni autore

 
Album di debutto per gli Empathica, improntato su un metal sinfonico con due voci soliste. 2019-08-09 17:13:48 Virgilio
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Virgilio    09 Agosto, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Empathica si formano nel 2012 fondamentalmente come gruppo symphonic black e registrano anche un ep nel 2013. Successivamente, avviene una virata decisa, che li porta ad allontanarsi dal black: una svolta che causa anche una separazione dal precedente cantante, sostituito da Filippo Tezza. Con il nuovo disco già praticamente pronto, il gruppo prende una nuova importante decisione, inserendo in line-up Alessia De Benedictis. L'innesto di una nuova voce, che tra l'altro opta spesso per il cantato lirico, consente agli Empathica di fissare praticamente un nuovo corso, improntato su un metal sinfonico, certamente ispirato a band come i Nightwish o gli Epica, con in più un'ulteriore voce maschile in chiaro, benchè sporadicamente vi sia pure qualche innesto in growl. A ciò dobbiamo aggiungere cori maestosi e venature prog, che rendono l'idea di come la musica degli Empathica riesca ad essere maestosa e punti a soluzioni talvolta anche ardite, specie se si considera che si tratta di un album di debutto, interamente autoprodotto. Spiccano in particolare brani come "Fallen Master Pleasure" e "Prophecy", oppure un pezzo praticamente power come "Religio", ma la band si cimenta anche su tracce di lunga durata, ovvero la funambolica "Silius Messor Animarum" nonchè la conclusiva ed imponente title-track, che si sviluppa nell'arco di dieci minuti e mezzo. Diciamo quindi che, pur inserendosi in un genere dove certamente non mancano le proposte, tutto sommato gli Empathica, anche se di fatto non inventano nulla, si sforzano però di realizzare qualcosa che comunque rifugga dai soliti clichè, con risultati apprezzabili. Un disco dunque gradevole e ricco di spunti interessanti, che merita di avere la sua chance.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

i nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla