A+ A A-
 

Dekadent, altra band imperdibile in casa Dusktone! Dekadent, altra band imperdibile in casa Dusktone! Hot

Dekadent, altra band imperdibile in casa Dusktone!

recensioni

gruppo
titolo
The Nemean Ordeal
etichetta
Dusktone
Anno

Tracklist:

1. Paean I

2. Shepherd of Stars

3. Solar Covenant

4. Wanax Eternal

5. The Lavantine Betrayal

6. Escaping the Flesh So Adamant

7. The Nemean Ordeal (Death of a Lion)

opinioni autore

 
Dekadent, altra band imperdibile in casa Dusktone! 2019-08-11 09:26:38 Rob M
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Rob M    11 Agosto, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non conoscevo i Dekadent e devo essere sincero, son rimasto davvero colpito dalla proposta di questa band slovena. Il loro genere - Atmospheric Black Metal - porta la band parecchio vicina a ció che gli Arcana Coelestia han partorito con il loro ultimo capitolo "Nomas" eppure i nostri risultano a tratti piú monumentalli e meno atmosferici rispetto alla band italiana, dando una marcia in piú all'idea di atmosferico, post e avanguardia.
La produzione, molto piú piena e meno concentrata su troppi strati di sottofondo, risulta essere moderna eppure abbastanza retró nel suo raggiungere apici simili ai vecchi Textures. Il suono delle chitarre e della batteria - specialmente - risultano caldi e levigati, le voci godono di uno spettro di differenti registri che nel complesso rende il tutto vario e mai monotono, mentre le lead/solo che accompagnano l'intera opera risultano anch'essi un particolare importantissimo che rende il tutto avvincente.
Il disco "The Nemean Ordeal" risulta strutturato sulla base di brani che spaziano tra momenti doom di varie origini (da Void Of Silence a Type O Negative con "Wanax Eternal", giusto per citarne alcuni!), attimi black metal di sublime fattura, e novitá death moderna che strizzano un'occhio ai primi Gojira e, come giá detto, vecchi Textures.
Il tutto perfettamente congegnato offre un viaggio ed un'esperienza senza precedenti che é capace di trascinare l'ascoltatore in un caleidoscopico disco dalle mille luci ed innumerevoli colori.
I Dekadent cavalcano un gigante multiforme in cui tutto é possibile e tutto é sconvolgente.
Alla fine del primo ascolto viene voglia di dar ancora un colpo al tasto "Play" per riascoltare questo incredibile lavoro estremo e moderno, toccante e distruttivo.
I nostri son geniali nel riuscire a mischiare attimi di follia con attimi di pura estasi, come per esempio capita nel cambio tra "Levantine Betrayal" e la successiva e annichilente "Escaping The Flesh So Adamant", unico brano che si rifá completamente al lato black metal della proposta eppure in maniera intelligente e ben lontana dalle origini del genere.
La conclusiva titletrack "The Numean Ordeal (Death Of A Lion)" chiude il disco in maniera magistrale mettendo ancora una volta in mostra una band portentosa capace di unire richiami alla Nile, Cattle Decapitation e Morbid Angel nel suo calderone.
Kudos per la Dusktone che ultimamente non sbaglia un colpo ed ancora una volta porta al pubblico un'opera spettacolare! Un'altro album, per la label italiana, che fará parte della mia classifica dei best-of per questo 2019!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Running Wild rilasciano un E.P. in attesa dell'album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Old Dead Tree: un Ep per ricordare un amico scomparso
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bastard Son, una band consigliata agli amanti del classico Death Metal floridiano
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per i veneti Ades Numen, band da seguire con interesse per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con un EP d'ottima fattura, i Bölzer danno vita alla label di loro proprietà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

In attesa di un nuovo album, un breve EP di cover per i calabresi Zora
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla