A+ A A-
 

Ardours, dalla Sardegna per un bel debutto segnato da sonorità gotiche ed hard rock Ardours, dalla Sardegna per un bel debutto segnato da sonorità gotiche ed hard rock

Ardours, dalla Sardegna per un bel debutto segnato da sonorità gotiche ed hard rock

recensioni

gruppo
titolo
Last Place On Earth
etichetta
Frontiers Music
Anno

Tracklist:

What Else Is There

Catabolic

Last Place On Earth

Design

Last Moment

The Mist

Therefore I Am

Truths

No One Is Listening

Totally

opinioni autore

 
Ardours, dalla Sardegna per un bel debutto segnato da sonorità gotiche ed hard rock 2019-08-14 10:14:06 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    14 Agosto, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gothic metal/rock melodico e sinfonico (ma non troppo) per gli Ardours, band di origini sarde che grazie alle proprie sonorità mi ha portato subito alla mente, grazie all'iniziale “Catabolic”, gli esordi dei Lacuna Coil e a dischi che abbiamo tutti amato in adolescenza come “Comalies” e “In A Reverie”.

La band nasce dall'unione tra la singer Mariangela Demurtas (Tristania) ed il multistrumentista e produttore Kris Laurent, con la ccollaborazione del drummer Tarald Lie (Tistania) che si è occupato oltre che della batteria anche della scrittura dei testi. Rispetto al sound della storica band di Cristina Scabbia, gli Ardours possiedono una forte improta har rock come dimostra l'impatto melodico di “Design” e “Last Moment”. I brani contenuti in questo debutto sono di breve durata e di impatto immediato, e rendono l'ascolto facilmente apprezzabile fin dai primi ascolti. La melanconica ballata “The Mist” spezza un po' i ritmi prima di rimettersi sui binari gothic metal di “Truths” e “No One Is Listening” dove la voce di Mariangela si dimostra calda ed incisiva, anche se bisogna ammettere che la parte finale della tracklist mostra un leggero calo rispetto alla partenza decisamente più frizzante.

“Last Place On Earth” è davvero un bel disco, un piacere scoprire ancora una volta quanto le band del nostro paese riescano a farsi riconoscere per qualità della loro proposta.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

i nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla