A+ A A-
 

Il progetto nostrano Experior Obscura vede finalmente la luce con un album ipnotico e freddo come la Norvegia Il progetto nostrano Experior Obscura vede finalmente la luce con un album ipnotico e freddo come la Norvegia Hot

Il progetto nostrano Experior Obscura vede finalmente la luce con un album ipnotico e freddo come la Norvegia

recensioni

titolo
Iter in Nebula
etichetta
Third-I-Rex
Anno

Tracklist:

  • 1.Trauma 
  • 2.Awake, Waking!
  • 3.Schizophrenia 
  • 4.Black Hole 
  • 5.Beyond the Human 
  • 6.Oblivion
  • 7.The Time of the Stars

Line-up:

  • Nefastus - Vocals, Guitars, Bass, Programming

opinioni autore

 
Il progetto nostrano Experior Obscura vede finalmente la luce con un album ipnotico e freddo come la Norvegia 2019-08-22 18:11:24 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    22 Agosto, 2019
Ultimo aggiornamento: 22 Agosto, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se non si fosse ancora capito dal titolo della recensione, oggi siamo in ambito black metal; per la precisione black metal campano con il progetto Experior Obscura. Se il nome della band non vi dice nulla, sappiate che dietro c'è la geniale mente di Nefastus, già membro dei nostrani blackster Malvento. Mica robetta da poco! Viene da sé che quello di cui oggi andremo a parlare, ovvero il full-length "Iter In Nebula", non può che non essere un signor album, totalmente imbevuto di quella che è l'esperienza della madrepatria Norvegia.

Vorrei, innanzitutto, soffermarmi sulla copertina del disco, dato che ci offre fin da subito un assaggio di quello che ci aspetta durante l'ascolto. A guardarla più volte mi ha ricordato tanto quella dei leggendari Silencer, con quella vena macabra che gioca sui contrasti tra il nero e il bianco e il volto disegnato che rende ancora di più l'aria funesta e terrificante delle tracce. In secondo luogo, il soggetto rappresentato, con i suoi tratti scheletrici ma squadrati, ha quel non so che di cubismo alla Picasso che non ho potuto fare a meno di notare. E infatti i brani che compongono "Iter In Nebula" rispecchiano esattamente ciò che la copertina mostra: un turbinio di caos velenoso, gelido e paralizzante nel quale la realtà viene, per l'appunto, divisa, distrutta e ricomposta, quasi si fosse all'interno di un'ipnotica illusione nella quale gli istinti primordiali e feroci dell'uomo vengono a galla. A renderci chiara questa idea è la lunga e deprimente "Trauma" che, con i suoi undici minuti di durata, riesce a creare un forte senso d'angoscia, grazie alle sue sonorità oscure completamente votate al depressive black degli Xasthur. A seguire abbiamo dei pezzi più taglienti e veloci, tipici dei primi Immortal o del black'n roll dei Taake; mi riferisco all'ottima "Schizophrenia", all'altrettanto micidiale "Black Hole" o, infine, a "Beyond The Human". Quest'ultima, la mia preferita, è votata totalmente all'esperienza norvegese degli anni '90 e, seppur non eccellente per quanto riguarda l'originalità, la pelle d'oca riesce comunque a farvela venire.

In generale, come appena scritto, mi sento di dire che "Iter In Nebula" è più un album contemplativo, quasi da meditazione oserei dire. Mi spiego. A livello tecnico nulla da ridire, Nefastus si conferma un grande artista, a livello compositivo, invece, ci troviamo su lidi che un po' hanno quel sapore di "già sentito" o comunque non ci troviamo su terreni inesplorati nel quale l'originalità la fa da padrona. Tuttavia, il punto forte del progetto Experior Obscura è proprio la forte carica emotiva che porta con sé: un'energia in grado di prendere la mente dell'ascoltatore e farne ciò che vuole. Ipnotico è il termine che, a mio avviso, descrive meglio tutto il lavoro. Vuoi per le sonorità ripetitive, vuoi per la voce che sembra un'eco disperato dai meandri più bui della terra... ci si sente intrappolati nella follia e nel nichilismo mentre la realtà, lentamente, prende una forma tutta sua. Complimenti!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Great Master, l'album della maturità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà l'ultimo live-album della storia degli Slayer?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i gallesi The Drowning un album decisamente molto interessante
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pretty Maids, fin troppo moderni e catchy
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon debutto per i campani Jumpscare, ma attenzione al sound proposto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla