A+ A A-
 

Con questo loro secondo album i Come Back from the Dead confermano le buone impressioni del precedente EP Con questo loro secondo album i Come Back from the Dead confermano le buone impressioni del precedente EP

Con questo loro secondo album i Come Back from the Dead confermano le buone impressioni del precedente EP

recensioni

titolo
The Rise of the Blind Ones
etichetta
Transcending Obscurity Records
Anno

PROVENIENZA: Spagna 

GENERE: Death Metal 

FFO: Dismember, Entombed, Grave, Paganizer 

LINE UP: 
Paul - vocals 
Hector - guitars 
Miguel - guitars 
iago - bass 
Marcos - drums 

TRACKLIST: 
1. Outcast of the Light [03:19] 
2. Martyr of a Gruesome Demise [04:17] =ASCOLTA= 
3. Restless in Putrescence [03:33] =ASCOLTA= 
4. Jugilar I - Heretic Impaler [02:49] =ASCOLTA= 
5. Jugular II - The Altar of Your Neck [01:32] 
6. Nebulaes of Malevolent Shining [04:17] =ASCOLTA= 
7. Darkness Abominations [02:51] 
8. Lick my hands Wild Beasts [02:43] 
9. Dead March [03:02] 
10. Possessed by the Death [03:55] 

Running time: 32:18 

opinioni autore

 
Con questo loro secondo album i Come Back from the Dead confermano le buone impressioni del precedente EP 2019-09-15 15:13:45 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Settembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A gennaio dello scorso anno chiudevamo la recensione dell'EP "Caro Data Vermibus" degli spagnoli Come Back from the Dead con queste parole: "(...) Sperando di poter sentire di nuovo presto il quintetto iberico, magari su una distanza più lunga". Rapido salto in avanti all'ultimo venerdì, 13 settembre, ed eccoci di nuovo ad avere a che fare con il quintetto iberico con quello che è il loro secondo album, "Th Rise of the Blind Ones". Prodotto da Transcending Obscurity Records - stessa etichetta dello scorso EP -, "The Rise..." prosegue pedissequamente il discorso di "Caro Data Vermibus", con quel Death Metal fortemente influenzato dalla vecchia scuola svedese che è ormai tratto distintivo dei CBFTD. Dieci brani in cui echi dei vari Dismember, Grave ed Entombed sono sempre fortemente presenti per una mezz'ora circa di Death Metal sporco suonato dalla band spagnola con passione ed attitudine. Niente blast beats forsennati dunque, ma una "fiera del tupa-tupa" che ci accompagna durante una tracklist quadrata in cui i nostri riescono a dare spazio anche ad interessanti melodie che danno un ampio respiro ai brani ed in cui possiamo trovare passaggi fortemente ispirati all'Heavy Metal più classico come possiamo ascoltare ad esmpio in "Martyr of a Gruesome Demise". Il meglio dei CBFTD lo possiamo trovare, però, quando la band decide di spingere maggiormente sull'acceleratore, quindi in brani come "Restless in Putrefaction" e "Jugular I - Heretic Impaler".
Magari con una produzione leggermente più pompata "The Rise of the Blind Ones" sarebbe potuto essere ancor più maggiormente godibile, ma ciò non toglie che l'ascolto di questa seconda fatica del combo galiziano procede bello spedito e troverà terreno fertile tra i tanti fans dello Stockholm Sound.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il gran ritorno degli As I Lay Dying, pionieri del metalcore, con un album spettacolare
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo dieci anni di silenzio, per i Konkhra un come back che sotto certi aspetti delude
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i canadesi Necronomicon un altro lavoro che non va oltre una semplice sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sorprende in positivo il debut EP dei canadesi Anomalism
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei belgi Orthanc
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon power metal melodico e dinamico dalla Spagna coi Nocturnia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Hunter vince e convince
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla