A+ A A-
 

Secondo album nel giro di un anno per i danesi Baest... ed ancora non hanno nulla da dire Secondo album nel giro di un anno per i danesi Baest... ed ancora non hanno nulla da dire Hot

Secondo album nel giro di un anno per i danesi Baest... ed ancora non hanno nulla da dire

recensioni

gruppo
titolo
Venenum
etichetta
Century Media Records
Anno

PROVENIENZA: Danimarca 

GENERE: Death Metal 

FFO: Bloodbath, God Macabre, Grave, Dismember 

LINE UP: 
Simon Olsen - vocals 
Svend Karlsson - guitars 
Lasse Ravsbech - guitars 
Mattias Melchiorsen - bass 
Sebastian Abildsten - drums 

TRACKLIST: 
1. Vitriol Lament [04:27] =VIDEO= 
2. Gula [04:26] =VIDEO= 
3. Nihil [06:28] 
4. Venenum [03:51] 
5. Styx [01:14] 
6. Heresy [06:03] 
7. As Above, So below [04:56] =VIDEO= 
8. Sodomize [03:55] 
9. Empty Throne [05:30] 
10. No Guts, No Glory (Bolt Thrower cover) [03:51] 

Running time: 44:41 

opinioni autore

 
Secondo album nel giro di un anno per i danesi Baest... ed ancora non hanno nulla da dire 2019-09-15 16:41:56 Daniele Ogre
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Settembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vi dirò, i danesi Baest sono per me una sorta di mistero. Al secondo album nel giro di 365 giorni circa, i death metallers di Aarhus sono a mio avviso uno di quei gruppi che nella ricerca di emergere a tutti i costi paga tanto (se non tutto) in spontaneità: ascoltando questo "Venenum" ci si rende conto infatti come sia un 'sequel' preciso e perfetto del debut album "Danse Macabre", con differenze tra i due album pari praticamente a zero. In questa seconda fatica targata Baest possiamo sentire una delle migliori produzioni del 2019, ma a parte questo la band danese risente ancora fortemente di una fin troppo marcata mancanza di personalità, visto che sembra continuamente di ascoltare una (pallida) copia dei Bloodbath dei primi lavori. In ogni brano dei Baest manca quel tocco personale per poter riuscire ad emergere dalla massa, ogni canzone sa terribilmente di già sentito, così come di già visto sanno alcuni titoli che compongono "Venenum" ("As Above, So Below" sarà la trecentesima volta che lo s'incontra, ma anche "Nihil", "Heresy" o "Sodomize" non scherzano). Mancanza di immaginazione che si ripercuote anche nei tre singoli da cui sono stati tratti tre video, tutti composti da immagini da live della band, con la sola parziale eccezione di "Vitriol Lament", in cui gli estratti video dai concerti sono intervallati da altri della band in giro.
I Baest dovranno in futuro necessariamente liberarsi dell'ingombrante ombra dei Bloodbath. Fin quando sembreranno una sorta di band tributo del gigante della scena Death scandinava un giudizio vero e proprio sulle loro qualità sarà praticamente impossibile. Per questo, come dicevo, i Baest sono per me una sorta di mistero: sono una band che è "materiale da Century Media"? Ora come ora, sinceramente credo proprio di no.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

FM: la classe che non tramonta!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
EX: da Verona un invito a lottare.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'attesissimo ritorno dei One Desire
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Colpisce per essere un 'semplice' album Death Metal questo terzo dei tedeschi Sabiendas
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'assalto nichilista degli Henry Kane di Jonny Pettersson  dei Wombbath
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gomorra, per i fans degli Iced Earth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Warrior Within: tra luci ed ombre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Killitorous: come fare i cazzoni suonando musica impressionante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Angel Grinder debuttano con un Death/Thrash old school impressionante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annotatevi il nome dei Breaking The Silent!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solar Flare: nulla da salvare
Valutazione Autore
 
0.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buonissima seconda prova per i tedeschi Bloodred
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla