A+ A A-
 

Lo spirito dell'hard'n'heavy rivive grazie a band come i Weapon Uk Lo spirito dell'hard'n'heavy rivive grazie a band come i Weapon Uk Hot

Lo spirito dell'hard'n'heavy rivive grazie a band come i Weapon Uk

recensioni

gruppo
titolo
Ghosts Of War
etichetta
Pure Steel Records
Anno

TRACKLISTING

1. Ghosts Of War

2. Queen Of The Ride

3. Redman

4. Sea Of Hope

5. Emerald God

6. Tourniquet

7. All I Need

8. Hell On Earth

9. '79 Revisited

10. G.O.W. Reprise (Bonustrack)

Total Playing Time: 43:30 min

 

LINE-UP

Danny Hynes – vocals

Jeff Summers – guitars, vocals

Tony Forsythe – bass, vocals

Darren Lee – drums

 

Special guest:

Clare Cunningham (Ghosts Of War) - vocals

opinioni autore

 
Lo spirito dell'hard'n'heavy rivive grazie a band come i Weapon Uk 2019-09-18 10:28:09 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    18 Settembre, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quaranta minuti, poco più, di ispirato hard'n'heavy di chiara scuola inglese con il ritorno della cult band Weapon UK.

La storia della band è simile a molte altre. Partiti negli anni 80, solamente come Weapon senza Uk, ma spariti rapidamente, si sono rifatti vivi da qualche anno con tanta carica e voglia di rifarsi sotto. E questo “Ghost Of War” è un disco di qualità che si muove su territori NWOBHM sin dalle prime note quelle della title track e della spedita “Queen Of The Ride”. Il gusto melodico dei Nostri è affascinante con pezzi che si stampano subito in testa senza risultare troppo scontati e banali. L'intensa “Redman” ci porta su territori classici e settantiani dove il membro originale Danny Hynes si muove alla grande al microfono, più di sentimento che di tecnica. L'altro componente storico, Jeff Summer, si prende cura della chitarre ed apre con un egregio lavoro la successiva “Sea Of Hope” con riff capaci di far agitare la testolina ricordando Saxon e Praying Mantis. Ma la tracklist ha molto da offrire alternando momenti classici come l'hard rock di “Emerald God” ed il favoloso omaggio ai tempi stoici del rock “'79 Revisited” (e anche qui che schitarrate di Jeff!), passando all'heavy dall'impatto melodico quasi Aor di “Tourniquet”.

Un balzo verso le sonorità ottantiane con l'hard'n'heavy ispirato dei Weapon Uk. Se amate queste sonorità, perdersi questo “Ghosts Of War “ sarebbe un grosso peccato.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il gran ritorno degli As I Lay Dying, pionieri del metalcore, con un album spettacolare
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo dieci anni di silenzio, per i Konkhra un come back che sotto certi aspetti delude
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i canadesi Necronomicon un altro lavoro che non va oltre una semplice sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sorprende in positivo il debut EP dei canadesi Anomalism
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei belgi Orthanc
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon power metal melodico e dinamico dalla Spagna coi Nocturnia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Hunter vince e convince
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla