A+ A A-
 

Alcune cose non funzionano a dovere nel debut di Christopher Vizcarra Alcune cose non funzionano a dovere nel debut di Christopher Vizcarra Hot

Alcune cose non funzionano a dovere nel debut di Christopher Vizcarra

recensioni

titolo
“Reins of victory”
etichetta
Bentley Records
Anno

 

LINE-UP:

Christopher Vizcarra – all instruments

 

 

TRACKLIST:

1. Onwards to victory

2. A dragons heart

3. Across the seas

4. Swords & wands up high

5. Glorius furry (2016 first single)

6. Chariots of fire (2017 second single)

7. Carlee love

8. Price of love

opinioni autore

 
Alcune cose non funzionano a dovere nel debut di Christopher Vizcarra 2019-09-22 16:59:17 Ninni Cangiano
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    22 Settembre, 2019
Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Devo ammettere che avevo questo disco da recensire da qualche mese ma, complice la mia idiosincrasia verso il power metal strumentale, ho sempre rimandato i vari ascolti; così, in una domenica mattina autunnale, mi sono fatto coraggio e mi sono messo all’ascolto di “Reins of victory”, debut album del musicista americano Christopher Vizcarra, sul cui conto si sa davvero poco (un musicista metal che nemmeno compare su metal-archives.com!). Ma, tralasciando le note biografiche che servono in una recensione, ma non sono fondamentali, passiamo a ciò che è davvero importante: la musica! Vizcarra suona un power metal di matrice neoclassica, incentrato sulla chitarra che, dalla foto allegata alla bio, deduco essere il suo strumento principale (ma si occupa anche di basso e batteria). Gli 8 pezzi si lasciano ascoltare piacevolmente, anche se vi sono alcuni difetti abbastanza evidenti nella registrazione: il brano “A dragons heart” finisce tristemente con un calare del volume, mentre la chitarra continua a suonare; stessa cosa accade anche in “Glorius furry” (ma che titolo è?? Si traduce in “glorioso peloso”....), letteralmente troncata mentre gli strumenti continuano a suonare, particolare che mi lascia interdetto trattandosi del primo singolo estratto dal disco (possibile che duri solo poco più di un minuto?). Non so se si tratta di difetti dei files messi a disposizione per questa recensione, oppure se anche nel cd accade a questa maniera; mi auguro sia la prima ipotesi (il che comunque rivelerebbe una certa approssimazione nel modo di lavorare), perchè la seconda sarebbe indubbiamente più grave. Come se ciò non bastasse, anche la registrazione appare alquanto “casereccia”, specie per basso e batteria, particolare che inficia indubbiamente il risultato finale; nel metal strumentale è fondamentale una produzione cristallina che permetta di assaporare degnamente le prestazioni dei singoli strumenti musicali, ma purtroppo in questo disco non abbiamo trovato questa qualità. Aggiungiamo, infine, che non sono sicuro dell’ordine della tracklist, in quanto nella biografia viene elencata come riportata qui sopra, mentre i files dei brani hanno una numerazione differente. C’è ancora parecchio da lavorare per il comunque talentuoso Christopher Vizcarra, forse in futuro converrà aspettare un attimo ed investire maggiori risorse economiche nella produzione per ottenere un risultato finale più lusinghiero. A livello strettamente musicale e di songwriting, comunque, siamo già a buon punto!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Serenity, ancora un ottimo lavoro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedeschi Abythic un lavoro per gli amanti dell'old school Death finnico
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Witch Vomit: una band che unisce benissimo US e Swedish Death della vecchia scuola
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riesce a destare un discreto interesse il debut album dei greci Plague
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua il processo evolutivo dei francesi Necrowretch
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Se vi piacciono i Macabre, non potete perdervi i canadesi Tales of the Tomb
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP tutto sommato soddisfacente per i tech-death metallers canadesi Moosifix
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Myrholt, un disco dispersivo che avrebbe potuto dare molto di piú.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Myrholt, le uscite che non servono..
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il quarto capitolo delle raccolte dei Mesmerize
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Fallen: Un metal vecchio stampo purtroppo poco convincente
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla