A+ A A-
 

MayheM, arriva il nuovo disco per la storica band norvegese. MayheM, arriva il nuovo disco per la storica band norvegese. Hot

MayheM, arriva il nuovo disco per la storica band norvegese.

recensioni

gruppo
titolo
Daemon
etichetta
Century Media
Anno

Tracklist:

1. The Dying False King

2. Agenda Ignis

3. Bad Blood

4. Malum

5. Falsified and Hated

6. Aeon Daemonium

7. Worthless Abominations Destroyed

8. Daemon Spawn

9. Of Worms and Ruins

10. Invoke the Oath

opinioni autore

 
MayheM, arriva il nuovo disco per la storica band norvegese. 2019-10-27 17:36:01 Rob M
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Rob M    27 Ottobre, 2019
Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Onestamente? Un disco non proprio all'altezza del nome, né tanto meno delle aspettative come invece gridano i colleghi appartenenti ad altre testate.
Tolte le tendenze omicide da gossip alla Maria De Filippi, ed i finti proclami pubblicizzati poi da chi "li sordi" li prende e come dalle major di turno, il nuovo album dei MayheM é un disco valido a metà e che, come da consuetudine per la band, risulta esser "fuori dal tempo". Parlo di "fuori dal tempo" perché i nostri ormai sembra che sfornino dischi che verranno poi "capiti" solo a distanza di anni, quando il pagliaccio di turno si rifarà spudoratamente al sound della band norvegese e si griderà al miracolo mediatico per la nuova band "all'avanguardia", pur puntando il dito a come i MayheM certe cose già le suonavan anni prima. Niente di nuovo sul fronte occidentale, il classico disco costruito a tavolino, con promozione spiccia di fondo ed interviste guidate per attirare l'audience e spingere le vendite. Cofanetti, libri, mutande borchiate con il logo pittato sopra. I nostri si spingono avanti per forza d'inerzia e tiran fuori lavori che farebbero rigirare il famoso Topo Gigio, recentemente menzionato nell'intervista ad Agghiastru (cercatela nel web!), nella tomba.
Tra chi parla di "evoluzione" nel sound della band, di album dell'anno ecc., io tiro fuori la testa dal sacco e dico la mia.
"Daemon" é un disco che non si può capire ad un primo ascolto. Ci son davvero tante sfaccettature che lo caratterizzano, ma non per questo griderei al miracolo. É un buon disco, ma si perde costantemente nel cercare di creare un'aura "misteriosa", "occulta", che in fin dei conti é un pallido riflesso dei classici del genere scritti proprio dalla band in questione.
Prima che si arrivi a qualche brano davvero "succoso" e diretto bisogna aspettare mezzo disco.
Tra una boiata e l'altra (vedi brani come "Malum"), i nostri trovano la tanta agognata ispirazione da "Aeon Daemonium" in poi, riuscendo a spingersi leggermente oltre e riuscendo finalmente a darci un lavoro di basso degno di nota (non come quell'obbrobrio ascoltato con l'opener "The Dying False King"). La successiva "Worthless Abominations Destroyed" - singolo promosso per il lancio del disco - é forse il brano che in rapporto minutaggio/qualità rimane il piú intenso ed accattivante. Interessante anche la divagazione pop-metal rappresentata da "Daemon Spawn", un brano abbastanza scontato, ma non per questo di bassa qualità. Il ritorno alle armi vero e proprio arriva però con "Of Worms And Ruins" e la conclusiva "Invoke The Oath". Il resto?
La prima metà del disco passa alla storia come noiosa, priva di grazia, il classico oro degli stolti. Sporadici riff effettivamente validi che purtroppo son anticipati o posticipati da parti che lascian il tempo che trovano, che cadono nel già sentito, eppur senza riuscire a trovare il giusto appiglio. Non mancano le parti da Guitar Hero, come in quell'assolo che spunta fuori dal nulla in "Bad Blood", né tanto meno vanno a mancare alcune trovate da circo, come i synth novantiani di "Falsified And Hated".
Le due stelle della band rimangono comunque loro: Attila che come sempre offre un lavoro ottimo ed un'interpretazione sublime ed il buon vecchio Hellhammer che é semplicemente perfetto nella sua performance.
Il resto, quel maledetto resto, ha bisogno di piú riprese per poter finalmente ingranare, riducendo notevolmente le possibilitá di far diventare un disco come questo un vero capolavoro.
Tra chi mi dirà "... facessero tutti album cosí...", chi si sentirà inferiore con frasi come "... magari riuscissimo noi a scrivere brani cosí...", ricordatevi ragazzi che non bisogna essere i MayheM per scrivere buone canzoni e sopratutto, non dimentichiamo, se non fosse per la promozione di fondo, un disco come questo si dimenticherebbe facilmente dopo uno o due mesi dalla sua uscita.
Orsú dunque, accingetevi a dargli un ascolto e, per cortesia, lasciate perdere la "stampa specializzata", aprite le orecchie e non fatevi ingannare dal nome.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla