A+ A A-
 

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae

recensioni

gruppo
titolo
Necroptuary
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Blackened Death/Doom Metal 

FFO: Autopsy, Incantation, Grave Miasma, Grave, Dismember 

LINE UP: 
Brad Kobylczak - vocals, guitars 
Dara Santhai - guitars 
Wyatt Culbertson - bass 
Eric Everett - drums 

TRACKLIST: 
1. Necroptuary [07:50] 
2. Decomposed Disembodied [06:42] 
3. Immortal Corpses [06:30] =ASCOLTA= 

Running time: 21:02 

opinioni autore

 
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae 2019-11-08 17:39:11 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    08 Novembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Abbiamo già parlato diverse volte di questa nuova ondata di old school US Death tanto in auge in quest'ultimo periodo - soprattutto negli ultimi 2-3 anni - e di come molti di questi gruppi, provenienti soprattutto da California ed Oregon, si stiano rivelando decisamente molto interessanti. Ad iscriversi all'albo ci sono anche i Larvae, californiani di Oakland. "Necroptuary" è un breve EP di tre brani uscito in digitale ed in tape, arrivato a cinque anni di distanza dal debut album "Grave Descent", che serve soprattutto a riportare l'attenzione sul quartetto di Oakland in vista del secondo album attualmente in lavorazione. E per quanto breve sia "Necroptuary", c'è da dire che i Larvae si possono seriamente candidare ad essere una delle migliori scoperte in questo particolare genere, anche perché da quanto possiamo ascoltare nei tre pezzi di questo EP, Brad Kobylczak e compari non hanno alcuna intenzione di essere l'ennesima (buona) copia di Incantation, Immolation e gentaccia varia. Sì, la marcia influenza di gruppi come Autopsy ed Incantation c'è e si sente, ma come possiamo ascoltare già nella title-track che apre il lavoro i Larvae non disdegnano cupi passaggi Blackened Doom o feroci accelerazioni tipiche dello Swedish Death.
Sono solo tre i brani che compongono "Necroptuary", come detto, ma sono tre brani da ascoltare con particolare attenzione: sono più che sicuro che accenderanno non poco la vostra curiosità, specie visto che un nuovo lavoro su lunga distanza è in lavorazione. Attendiamo, che potremmo sentirne delle belle.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Speed metal abbastanza canonico per i texani The Scourge
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Nocturnus AD un debut album che sarebbe potuto andar bene trent'anni fa
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phil Campbell: tanti ospiti per un disco nella norma.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon debutto per i campani Jumpscare, ma attenzione al sound proposto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla