A+ A A-
 

Michael Schenker Fest: l'A.O.R. non è morto! Michael Schenker Fest: l'A.O.R. non è morto!

Michael Schenker Fest: l'A.O.R. non è morto!

recensioni

titolo
Revelation
etichetta
Nuclear Blast
Anno

Line-Up:
Michael Schenker | Guitar, Vocals
Gary Barden | Vocals
Graham Bonnet | Vocals
Robin McAuley | Vocals
Doogie White | Vocals
Steve Mann | Guitar, Keyboard
Chris Glen |Bass
Bodo Schopf | Drums

Tracklist:
1.   Rock Steady   04:25   
2.   Under a Blood Red Sky   03:55   
3.   Silent Again  04:12   
4.   Sleeping with the Light On  04:03   
5.   The Beast in the Shadows    05:02   
6.   Behind the Smile   04:32   
7.   Crazy Daze    03:53   
8.   Lead You Astray    03:32   
9.   We Are the Voice   03:24   
10.  Headed for the Sun03:22   
11.  Old Man  05:00   
12.  Still in the Fight      03:58   
13.  Ascension 03:19

opinioni autore

 
Michael Schenker Fest: l'A.O.R. non è morto! 2019-11-10 12:37:27 MASSIMO GIANGREGORIO
voto 
 
4.5
Opinione inserita da MASSIMO GIANGREGORIO    10 Novembre, 2019
Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uscito il 20 settembre (giorno del mio 55° compleanno, per la serie “ecchissenefrega”) questo full-leght intitolato alla rivelazione, fa seguito a quello partorito lo scorso anno, dedicato alla resurrezione. Vabbe', al solo considerare non solo il leader della band, ma anche i soggetti chiamati a far parte di questo progetto, non si può certo parlare di rivelazione, visto che trattasi di personaggi di spicco della scena hard’n’heavy mondiale da lustri, dando appunto lustro alla scena medesima con performance ai assoluto rilievo!
Non starò di certo a tediarvi sciorinando le biografie e le discografie dei nostri (Scorpions, Asia, Survivor, Rainbow non vi dicono nulla? Possibile?). Come si suol dire, la classe non è acqua e qui, di classe, ce n’è a profusione; a cominciare dal songwriting, che si rivela adamantino nella sua appartenenza a quello che, una volta, veniva denominato A.O.R. (Adult Oriented Rock) cioè un hard rock sì ben rinforzato, ma senza mai perdere di vista la melodia del brano, che però non sfocia mai nel commerciale sfacciato. Un rock, appunto, orientato agli amanti del genere (solo anagraficamente) più grandi (alla fine, si tratta solo di un numero perché conosco tanti rockers “attempati” molto più vitali ed entusiasti di tanti ragazzi/e già vecchi dentro). E se consideriamo che il rock mantiene davvero giovani sia dentro che fuori, questo lavoro targato Michael Schenker Fest non può assolutamente mancare nella discografia di ogni propugnatore del credo del rock duro! Qui ci troviamo tutto: potenza, energia ad alto tasso, chitarrone abbestia, virtuosismo negli assoli, ritmo incessante ma variegato, scandito da una sezione ritmica affiatatissima e granitica, melodia, varietà compositiva, singing ad alto livello (con l’alternarsi di ben quattro mostri dell’ugola al microfono).
Insomma, un lavoro davvero godibilissimo, adatto a tutte le circostanze (parties, fughe in autostrada in auto o moto, bevute ammostro, etc.) ed a tutti i rockers di tutte le età che hanno ancora molto da dare e da dire! Nunc et semper, long live rock’n’roll!!!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla