A+ A A-
 

Crow's Flight, un po' troppo poco "metal" Crow's Flight, un po' troppo poco "metal" Hot

Crow's Flight, un po' troppo poco "metal"

recensioni

titolo
"The storm"
etichetta
Ram It Down Records
Anno

TRACKLIST:
01. The storm (intro)
02. Forevermore
03. Circle of pain
04. The mercenary
05. Read between the lines
06. The final sacrifice
07. A candle in the storm
08. The path to follow
09. Sea of lies
10. Darkness within
11. Can’t be undone
12. Home by the Sea (bonus track; Genesis cover)

LINE-UP:
Markku Kuikka - vocals
Marko Vehmanen - guitar
Erno Hanhisalo - guitar
Jussi “Leba” Lehto - bass
Risto Raivio - keyboards

opinioni autore

 
Crow's Flight, un po' troppo poco "metal" 2019-11-10 19:36:19 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    10 Novembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La formazione dei Crow’s Flight risale al 2008, ma finora la band finlandese è riuscita a realizzare un solo album nel 2011, dal titolo “The calm before” (sconosciuto al sottoscritto); sotto l’egida della Ram It Down Records, ad inizio ottobre è uscito il secondo full-lenght, intitolato “The storm”, dotato di notevole artwork. Ma cosa suonano questi Crow’s Flight? Il loro sound è un melodic metal che pesca a piena mani dall’hard rock degli anni ’80. Un ibrido che, detta sinceramente, non mi ha entusiasmato nonostante abbia dato ripetuti ascolti a questi 11 pezzi (cui si aggiunge la solita inutilissima intro); ogni volta, infatti, se le parti più tipicamente metal potevano anche essere convincenti e coinvolgenti, arrivava a “spegnere ogni ardore” la contaminazione hard-rockeggiante che rendeva il tutto blando e poco esaltante. Le parti soliste delle chitarre sono piacevoli e ben fatte, ma vengono rese quasi inefficaci da melodie troppo “zuccherose” e deboli. A ciò si aggiunge la voce sporca dell’ex-Thaurorod Markku Kuikka che sinceramente stanca dopo poco; e dire che in “Circle of pain””, ad esempio, il singer dimostra di saper cantare anche in maniera differente e sicuramente più piacevole e probabilmente anche più adatta al melodic metal. Scegliere poi di fare una cover dei Genesis non si rivela una gran scelta, sia per l’importanza della band nel prog rock, ma anche per la sua notevole distanza dal mondo metal. Ciò nonostante, bisogna riconoscere che questo “The storm” non è fatto male, sicuramente non esalta, ma riesce a strappare la sufficienza, grazie anche ad un songwriting mai esagerato e dal giusto minutaggio. Se solo i Crow’s Flight decidessero definitivamente quale strada prendere, se diventare “metallari” veri o darsi all’hard rock, probabilmente riuscirebbero anche a raggiungere votazioni migliori; continuando a questa maniera, infatti, rischiano di rimanere né carne e né pesce e di non accontentare sostanzialmente nessuno, al di fuori della ristretta cerchia di fans.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Michael Grant & The Assassins: hard rock frizzante e dinamico!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shining Black: l'attesa unione tra Mark Boals e Olaf Thorsen
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con il terzo album arriva la consacrazione dei finlandesi Solothus
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Enuff Z'Nuff, una sequenza lineare di songs spassose e pungenti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo Motor Fist:  un lavoro piacevole e spassoso
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debut album per i cechi Infernal Cult
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Etorkizun Beltza sorprendono in positivo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Backwater un grande esempio di rock'n'roll classico pieno zeppo di adrenalina!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla