A+ A A-
 

Pretty Maids, fin troppo moderni e catchy Pretty Maids, fin troppo moderni e catchy Hot

Pretty Maids, fin troppo moderni e catchy

recensioni

titolo
Undress Your Madness
etichetta
Frontiers Music
Anno

Tracklist:
1. Intro
2. Serpentine
3. Firesoul Fly
4. Undress Your Madness
5. Will You Still Kiss Me (If I See You In Heaven)
6. Runaway World
7. If You Want Peace (Prepare for War)
8. Slavedriver
9. Shadowlands
10. Black Thunder
11. Strength of a Rose

Line-up:
Ronnie Atkins - Voice
Ken Hammer - Guitars
Rene Shades - Bass
Chris Laney - Keyboards
Allan Sørensen - Drums

opinioni autore

 
Pretty Maids, fin troppo moderni e catchy 2019-11-12 12:13:12 Celestial Dream
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Celestial Dream    12 Novembre, 2019
Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dai danesi Pretty Maids è lecito attendersi una buona dose di heavy melodico e potente ma questo nuovo “Undress Your Madness” ha decisamente deluso le nostre aspettative e vi spiegheremo ben presto il motivo.

Nei dieci pezzi che compongono la tracklist del full length in questione, sembra che la band punti eccessivamente su melodie catchy ed un toccco moderno che poco ha a che vedere con lo spirito della band. Insomma "Undress Your Madness" non è un brutto disco e possiede qualche momento piacevole da ascoltare, come l'opener ”Serpentine” e la bella cazzuta “Slavedriver”, ma in generale la sensazione è che la band abbia cercato più di andare verso le mode del momento (ma siamo poi così sicuri che il caro vecchio heavy metal non tiri più?), dimenticando un po' le radici del proprio sound e la cosa si era già intravvista con il precedente "Kingmaker" dato alle stampe nel 2016. La voce di Ronnie Atkins fatica a graffiare ma proprio perchè sono i pezzi a non richiedere la grinta della sua ugola, basti ascoltare l'iper melodica e radiofonica “Firesoul Fly” e mielosa ballatona “Will You Still Kiss Me (If I See You In Heaven)”. Il disco continua su questo mood con il mid tempo zuccheroso “Shadowlands” fino all'altra lentona del disco che risponde al nome di “Strength of a Rose”.

Inutile dire che ci si aspettava di più dai Pretty Maids, band in grado in passato di scrivere alcune grandi pagine dell'heavy metal classico.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un bel disco spensierato e ben suonato per Jessica Wolff
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Imperivm ci parlano dell'antica Roma
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tuple: lavoro solista ispirato dall'Aor scandinavo ottantiano
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Etorkizun Beltza sorprendono in positivo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Backwater un grande esempio di rock'n'roll classico pieno zeppo di adrenalina!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards ed il suo italiano scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla