A+ A A-
 

Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo

Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo

recensioni

titolo
Macrobial
etichetta
The Artisan Era
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Symphonic Black/Death Metal 

FFO: Dimmu Borgir, Old Man's Child, Enfold Darkness, Septicflesh, Fleshgod Apocalypse 

LINE UP: 
Eric "Eldrik Bloodaxe" Avant - vocals 
Christopher "Dracin" Sortino - vocals 
Asgrim Allen Nunn - guitars, synth, clean vocals 
Anton Kalaj - guitars, synth 
David Belmonte - bass 
Chris Pistillo - drums 

TRACKLIST: 
1. Energy Weapons Formed Against Us [02:15] 
2. Ultraterrestrial Creation [05:01] =ASCOLTA= 
3. Wandjina [05:15] =ASCOLTA= 
4. Emissaries of Ikhenaton [06:24] 
5. Black Miracle [04:50] =ASCOLTA= 
6. Jahbulon's Labyrinth [04:38] 
7. Orbis Speculari [01:39] 
8. Niflheim [04:56] 
9. Spirits of Old [06:56] 

Running time: 41:54 

opinioni autore

 
Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo 2019-11-12 20:38:13 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    12 Novembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si formano nel 2008, debuttano nel 2010 con l'EP "Qliphotic", ma solo oggi, anno domini 2019, arrivano a pubblicare il primo lavoro su lunga distanza gli statunitensi Immanifest, band Symphonic Black/Death proveniente dalla capitale del Death Metal americano, Tampa in Florida. Un lavoro che ha avuto una lunga gestazione (le prime pre-produzioni sono risalenti ad almeno otto anni fa) e che vede oggi la luce grazie a The Artisan Era, quello degli Immanifest, il cui sound ricorda sin da subito quello dei Dimmu Borgir in primis - quelli dell'ultimo periodo con la parte sinfonica accompagnata da futuristici synth -, così come Old Man's Child ma anche Septicflesh e Fleshgod Apocalypse, questi ultimi soprattutto per un uso altisonante delle orchestrazioni. Detta così, può sembrar facile che gli Immanifest possano cadere nella trappola del 'già sentito', ed a tratti è in effetti così, ma è anche vero che i Nostri sopperiscano con un alto tasso tecnico ed una buona maturità nella scrittura delle liriche (occultismo, esoterismo ebraico...), come possiamo ascoltare ad esempio nell'opener "Ultraterrestrial Creation" (non contando ovviamente l'intro "Energy Weapons Formed Against Us"). Alcune delle soluzioni usate dagli Immanifest sanno un po' di "usato sicuro" - e ci riferiamo ad esempio alla parte solista di "Ultraterrestrial Creation" che ricorda i Fleshgod di "King" o all'inconfondibile mix Dimmu Borgir/Septicflesh di "Wandjina" - e spesso le orchestrazioni sembrano essere fin troppo in primo piano rispetto al resto, ma ciò non toglie che si riesce ad apprezzare comunque il buon lavoro sia dei due vocalist che del drummer Chris Pistillo (probabilmente l'MVP del disco). "Macrobial", insomma, è ben lungi dall'essere un brutto album, ha anzi diversi spunti interessanti, ma vuoi forse per, appunto, la lunga gestazione, sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo. Gli amanti delle sonorità estreme a tinte fortemente sinfoniche troveranno comunque soddisfacente, a nostro avviso, l'ascolto di questo debutto targato Immanifest.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla