A+ A A-
 

Mind Key: un alieno nel Paese delle Meraviglie Mind Key: un alieno nel Paese delle Meraviglie Hot

Mind Key: un alieno nel Paese delle Meraviglie

recensioni

gruppo
titolo
Alien in Wonderland
etichetta
Frontiers Music
Anno

Line up:
Aurelio Fierro Jr – vocals
Emanuele Colella – guitars
Dario De Cicco – keyboards
Lucio Grilli – bass
Mirko De Maio – drums

Tracklist:
01. Alien in Wonderland
02. Hank (The Blazing Eyes)
03. Hate at the First Sight
04. Angry Men
05. Hands Off Cain
06. Be Polar
07. Oblivion
08. Psycho World
09. Vertigo (Where the Cold Wind Blonws)
10. Pure Heart
11. No-existence

Durata: 57'50

opinioni autore

 
Mind Key: un alieno nel Paese delle Meraviglie 2019-11-17 19:03:46 Raffaele Acampa
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    17 Novembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il progressive metal italiano ha avuto ed ha tuttora oggi band di un certo calibro. I Mind Key sono il perfetto esempio di tecnica, melodia e capacità compositiva con un forte appeal italico, distinguendosi dal filone prog metal europeo e americano. I Mind Key hanno fatto davvero tanta strada in questi anni, ed oggi sono una delle band di punta del panorama italiano e internazionale. Ma cosa ci offre questo Alien In Wonderland? Presto detto: un mix di prog metal melodico, mai eccessivo nelle soluzioni compositive ma più orientato verso un hard rock anni '90 (Bad English, Dio, Whitesnake, Pretty Maids) con puntatine allo Shadow Gallery style. Le tracce hanno una lunghezza media di 5 minuti, il timing adatto a mettere in mostra tutto quello che la band ha da offrire: tutte riescono a mantenere una linea qualitativa alta, senza che l'una risulti troppo lontana o differente dalle altre. I refrain si aprono in linee dal forte impatto emotivo, seguiti da soli chitarra/tastiere interessanti e ben eseguiti. La sezione ritmica è compatta e non disdegna passaggi articolati. La voce fa un gran bel lavoro, con il suo timbro sporco ma profondo ed emozionale. Insomma, un ottimo prodotto per il mercato, ma ancora di più dal lato artistico. I Mind Key ci mettono tanto e riescono ad imprimere il proprio sound nella mente dell'ascoltatore, pur addentrandosi in un territorio difficile e inflazionato. Complimenti ragazzi, continuate così.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla