A+ A A-
 

Progressive metal dalle tinte metalcore in questo secondo EP dei Malum Sky. Progressive metal dalle tinte metalcore in questo secondo EP dei Malum Sky.

Progressive metal dalle tinte metalcore in questo secondo EP dei Malum Sky.

recensioni

gruppo
titolo
Diatribe
etichetta
SLIPTRICK RECORDS
Anno

Line-up:
Ben Honebone - vocals
Michael Jensen Després - guitar
Jon Evans - guitar
Athanasios "Saki" Patsiouras - bass
Joe Wilkes - drums

Tracklist:
1. Year of the Rat
2. Borrower
3. The Coil
4. Eye Above
5. Diatribe

opinioni autore

 
Progressive metal dalle tinte metalcore in questo secondo EP dei Malum Sky. 2019-11-17 20:20:03 Virgilio
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Virgilio    17 Novembre, 2019
Ultimo aggiornamento: 18 Novembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Malum Sky avevano esordito nel 2015 con il loro primo EP omonimo, al quale segue questo secondo EP, intitolato "Diatribe". Il disco è composto da cinque tracce e si tratta di un concept incentrato sul fatto che oggi disponiamo di diversi mezzi d'informazione, ma i livelli di comunicazione possono essere differenti e diversamente interpretati. Dal punto di vista musicale, la band gallese suona un progressive metal con venature metalcore. Le tracce sono mediamente piuttosto lunghe e alquanto articolate: vi ritroviamo arpeggi, riff massicci, ritmi cangianti e complessi, la voce perlopiù in chiaro ma con qualche inserto di extreme vocals. Ci sono pure divagazioni strumentali, ma va evidenziato, sotto quest'aspetto, che si possono ravvisare tra queste alcune soluzioni che richiamano fin troppo palesemente idee già adottate da altre band. Ci sono comunque buoni pezzi: in particolare, ci sono piaciuti ad esempio "Eye Above" e "Borrower". Diciamo che i Malum Sky hanno questa capacità di essere aggressivi, ma riescono pure a creare momenti più melodici ed atmosferici. Probabilmente "Diatribe" finisce anche troppo presto, lasciando un po' un senso d'incompiutezza, ma a quanto pare la band predilige questa formula del mini-album. Non parliamo di un disco imprescindibile, ma ci sono diversi buoni spunti, per cui chi ama il genere farà bene a dargli una chance.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla