A+ A A-
 

Live album che consente di godersi l'energia e le emozioni sprigionate dagli Eluveitie dal vivo. Live album che consente di godersi l'energia e le emozioni sprigionate dagli Eluveitie dal vivo. Nuovo

Live album che consente di godersi l'energia e le emozioni sprigionate dagli Eluveitie dal vivo.

recensioni

gruppo
titolo
Live at Masters of Rock
etichetta
Nuclear Blast
Anno

Line-up:
Chrigel Glanzmann - vocals, whistles, mandola, bagpipes, bodhran
Fabienne Erni - vocals, celtic harp, mandola
Alain Ackermann - drums
Rafael Salzmann - guitars
Jonas Wolf - guitars
Kay Brem - bass
Matteo Sisti - whistles, bagpipes, mandola
Nicole Ansperger - fiddle
Michalina Malisz - hurdy gurdy

Tracklist:
1. Ategnatos
2. King
3. The Call of the Mountains
4. Deathwalker
5. Worship
6. Artio
7. Epona
8. A Rose for Epona
9. Thousandfold 441-16
10. Ambiramus
11. Drum solo
12. Havoc
13. Breathe
14. Helvetios
15. Rebirth
16. Inis Mona

opinioni autore

 
Live album che consente di godersi l'energia e le emozioni sprigionate dagli Eluveitie dal vivo. 2019-12-01 20:05:30 Virgilio
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Virgilio    01 Dicembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Eluvieitie pubblicano questo live registrato al Masters of Rock durante il loro tour promozionale dell'album "Ategnatos", uscito ad aprile di quest'anno. Proprio per questo, viene dato ampio spazio a brani tratti da questo disco, ben sei, a partire dalla title-track, passando per alcune delle tracce di punta come "Ambiramus" e "Rebirth". Il concerto è comunque alquanto articolato, dato che la band elvetica suona sedici tracce, per quanto comunque venga privilegiato in generale il repertorio più recente. D'altronde, gli Eluveitie hanno intrapreso un percorso artistico ben preciso e delineato, che li ha portati a sperimentare qualcosa di diverso rispetto al melodic death delle origini, per quanto sempre ispirato alla musica celtica, che poi è scaturito in una rifondazione vera e propria della band nel 2016, con l'inserimento di diversi nuovi elementi, accanto al trio storico composto da Glanzmann, Brem e Salzmann (come si ricorderà, invece, alcuni ex hanno seguito la cantante Anna Murphy nei Cellar Darling). La band però chiaramente non rinnega affatto il proprio passato, per cui ripropone anche alcune canzoni più datate: in particolare, ne ritroviamo un paio da "Origins" ("King" e "The Call of the Mountains") e un paio da "Helvetios" (la title-track e "Havoc"), più una versione di "Thousandfold", mentre bisogna attendere il bis per ascoltare una canzone tratta dallo storico "Slania", ovvero "Inis Mona". Ad ogni modo, la performance è come sempre impreziosita dal ricchissimo campionario di strumenti a disposizione della band, tra cornamuse, flauti vari, ghironde, violini, ecc., che consentono una ricchezza espressiva e timbrica notevole, a supporto del loro repertorio metal, tra episodi appunto più vicini al melodic death e altri più recenti magari tendenzialmente più melodici e atmosferici: con questi ultimi, peraltro, vengono forse maggiormente esaltate le splendide doti della bellissima e bravissima singer Fabienne Erni, che certo sarebbe sprecata se relegata al ruolo di seconda voce, mentre invece, soprattutto nei nuovi brani, riesce a ritagliarsi uno spazio più importante. In scaletta, viene previsto anche un assolo di batteria da parte di Alain Ackermann, integrato pure da un assolo di chitarra, ma in generale il concerto procede in maniera alquanto scorrevole, senza particolari interruzioni e sembrano pure piuttosto poche le parti in cui il gruppo dialoga o si rivolge direttamente al pubblico. La resa sonora è molto buona e ciò consente dunque di godersi a pieno l'energia e le emozioni che il gruppo riesce a sprigionare più che mai anche dal vivo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla