A+ A A-
 

In attesa di un nuovo album, un breve EP di cover per i calabresi Zora In attesa di un nuovo album, un breve EP di cover per i calabresi Zora Hot

In attesa di un nuovo album, un breve EP di cover per i calabresi Zora

recensioni

gruppo
titolo
Mad-e in Italy
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Italia 

GENERE: Brutal Death Metal 

FFO: Disgorge (MEX), Pathologist, Guttural Secrete 

LINE UP: 
Tat0 - vocals, bass 
Glk Molè - guitars 
Giampiero Serra - drums 

TRACKLIST: 
1. Intro + Hard Times (Cro-Mags cover) [05:20] 
2. United Forces (S.O.D. cover) [01:40] 
3. Beat the Bastards [The Exploited cover) [04:16] =ASCOLTA= 

Running time: 11:16 

opinioni autore

 
In attesa di un nuovo album, un breve EP di cover per i calabresi Zora 2019-12-07 13:34:52 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    07 Dicembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono passati esattamente tre anni dall'ultima volta che abbiamo incrociato la strada dei calabresi Zora, dalla recensione del loro secondo album "Scream Your Hate"; la Brutal Death band formata da Tat0, Glk e Giampiero Serra torna oggi con un breve EP di cover: tre tracce in cui la band calabrese ripropone nel proprio stile tra pezzi leggendari della sfera Hardcore/Thrash. "Mad-e in Italy" nulla aggiunge e nulla toglie alla discografia degli Zora: l'EP è da intendere solo come l'ennesimo sfogo del trio, contro - cito testualmente - "la deriva razzista, repressiva e di intolleranza che ha preso piega in Italia". Non è un caso che nell'intro siano inseriti frasi e discorsi di politici odierni tristemente noti (personalmente, manco li voglio nominare, ma credo sarà facile per voi intuire di chi si parla), prima che i Nostri partano all'attacco con una versione brutale di "Hard Times" dei Cro-Mags; più vicina all'originale è la seguente "United Forces" (cover degli S.O.D.), mentre a chiudere troviamo il rabbioso emblema di questo EP, la cover di "Beat the Bastards" dei The Exploited.
Come detto, "Mad-e in Italy" non aggiunge né toglie nulla all'attuale discografia degli Zora; in attesa che finiscano i lavori del nuovo album, questo EP può esser preso dagli ascoltatori come un piacevole intrattenimento che però, si badi bene, ha dalla sua l'essere anche socialmente impegnato.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

"Play That Rock n Roll", tredicesimo album dei Supersuckers
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i canadesi Disgust un album fin troppo canonico ed alla lunga monotono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ruin Lust: barbarico War Metal from New York City
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Ereley puntano su atmosfere dark e cupe con sonorità tipicamente horror
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Altaria risorgono dalle ceneri e ristampano il loro album icona "Divinity"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla