A+ A A-
 

I Running Wild rilasciano un E.P. in attesa dell'album I Running Wild rilasciano un E.P. in attesa dell'album Hot

I Running Wild rilasciano un E.P. in attesa dell'album

recensioni

titolo
"Crossing the blades"
etichetta
Steamhammer/SPV
Anno

TRACKLIST:
1. Crossing the blades 5:25
2. Stargazed 3:40
3. Strutter 3:05
4. Ride on the wild side 4:05

LINE-UP:
Rock N’Rolf– guitar, vocals
Peter Jordan– guitars
Ole Hempelmann - bass
Michael Wolpers– drums

opinioni autore

 
I Running Wild rilasciano un E.P. in attesa dell'album 2019-12-07 17:41:25 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    07 Dicembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In occasione del giorno di San Nicola, i Running Wild hanno deciso di rilasciare un nuovo E.P. intitolato “Crossing the blades”; ignoro quale legame ci sia con il santo venerato a Bari, ma la band ha deciso di far uscire questo lavoro proprio per il 6 dicembre, giorno in cui appunto viene ricordato questo vescovo greco che unisce la religione cattolica ed ortodossa, oltre che richiamare il mito di Santa Klaus e Babbo Natale. Ma veniamo alla musica. Quattro brani compongono il disco; si parte con la title-track, classica cavalcata di pirate metal che fa ben sperare in vista del prossimo full-lenght. Come precisato da Kasparek, questa versione rimarrà esclusiva per questo lavoro, dato che sull’album il brano sarà modificato interamente. Contrariamente a quanto accade di solito, che vede i brani dei Running Wild basati su dei riff di chitarra, in questo caso il leader della band ha spiegato di essere partito da una linea di basso; il tema del pezzo è poi basato sul detto dei moschettieri francesi “Tutti per uno ed uno per tutti”. Segue “Stargazed”, già presentata al Wacken 2018, canzone frizzante e piacevole, ma un gradino sotto alla precedente, pur rimanendo nell’alveo del classico stile piratesco della band tedesca. La terza traccia è la cover di “Strutter”, classico dei Kiss, irrobustito a dovere ma che, sinceramente, non entusiasma più di tanto. Rock N’Rolf è particolarmente affezionato a questo brano, dato che è stato fondamentale per lui, tanto da convincerlo nel 1976 a fondare la sua prima band, i Granite Heart. Chiude il lavoro “Ride on the wild side”, brano alquanto anonimo, che non aggiunge nulla di particolare e che, al contrario, dopo qualche ascolto, comincia presto ad annoiare, per una certa ripetitività di fondo. Se quindi sui primi due pezzi siamo su ottimi livelli (soprattutto la title-track), con il resto del disco scendiamo abbastanza quanto a qualità, pur rimanendo su livelli dignitosi. “Crossing the blades” è un buon antipasto per i fans dei Running Wild, in attesa dell’uscita del prossimo album, prevista nell’estate 2020, sperando che il livello qualitativo sia come per i primi due pezzi di questo EP....

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

"Play That Rock n Roll", tredicesimo album dei Supersuckers
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i canadesi Disgust un album fin troppo canonico ed alla lunga monotono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ruin Lust: barbarico War Metal from New York City
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Ereley puntano su atmosfere dark e cupe con sonorità tipicamente horror
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Altaria risorgono dalle ceneri e ristampano il loro album icona "Divinity"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla