A+ A A-
 

Edge Of Forever, in volata uno degli highlight del 2019! Edge Of Forever, in volata uno degli highlight del 2019!

Edge Of Forever, in volata uno degli highlight del 2019!

recensioni

titolo
Native Soul
etichetta
Frontiers Records
Anno

Tracklist:
1. Three Rivers
2. Native Soul
3. Promised Land
4. Carry On
5. Take Your Time
6. Dying Sun
7. Shine
8. I Made Myself What I Am
9. War
10.Wash Your Sins Away
11.Ride With The Wind

Line-up:
Alessandro Del Vecchio: Lead Vocals, keyboards
Aldo Lonobile: Guitars
Nik Mazzucconi: Bass Guitar
Marco Di Salvia: Drums

opinioni autore

 
Edge Of Forever, in volata uno degli highlight del 2019! 2019-12-10 14:52:38 Federico Orano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Federico Orano    10 Dicembre, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno degli highlight di questo 2019 che volge al termine, almeno per quanto riguarda il mondo del melodic hard rock, arriva in volata con “Native Soul”, nuovo disco firmato Edge Of Forever.

La band capitanata dal compositore, produttore, cantante e tastierista Alessandro Del Vecchio, si avvale della presenza di nomi di peso come il chitarrosta Aldo Lonobile (Secret Sphere), il bassista Nik Mazzucconi (Labyrinth) ed il battersta Marco Di Salvia (Hardline). Melodico e ruffiano quanto basta ma allo stesso tempo bello ruvido in certi passaggi, questo lavoro mostra tutto il talento dei musicisti nominati in precedenza in una tracklist davvero mozzafiato a partire dall'opener, “Three Rivers”, pezzo soul dove Alessandro mostra tutte le sue doti vocali. Se “Promised Land” ci riporta fino ai migliori Journey, la potenza di “Carry On” è davvero irresistibile, tanto da renderla, per chi scrive, la hit del momento.Ma è arduo trovare pezzi sottotono lungo l'ascolto; “Take The Time” colpisce con melodie calde riportandoci un po' agli Hardline dove già Alessandro ha elargito il suo talento compositivo, mentre la ballatona “Shine” ha tutto in regola per compiacere i cuori più emotivi. Se “I Made Myself What I Am” ci accompagna fino al nord europa con un sound scoppiettante tipico di band come gli Eclipse, con un grandioso intermezzo di assoli di chitarra e tastiera, il finale è caratterizzato dalla dinamica “Wash Your Sins Away”, dove Del Vecchio da sfoggio del suo talento vocale in un emozionante bridge, e “Ride With The Wind” con un refrain da cantare all'infinito.

Se stavate compilando la classifica di fine anno, beh sapete che nei primi cinque posti in campo melodic hard rock tocca lasciare un posto a questo “Native Soul”. Un solo comandamento: DA AVERE!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Da una costola dei Sodom ecco l'esordio dei Bonded
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Xenos fanno centro con il loro debut "Filthgrinder"
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I canadesi Sophist sono rimandati al prossimo lavoro (di prossima uscita)
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto per gli americani Frogg, ma con qualcosa da migliorare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album discreto per i blackened death metallers americani Deadspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante, seppur breve, il debut EP dei canadesi Unburnt
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Congiura: quando la fenice rinasce dalle sue ceneri
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia un buon prodotto Melodic Death/Black da parte della one man band Doom Rot
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla