A+ A A-
 

Ampiamente sufficiente il terzo studio album degli statunitensi Gutted Alive Ampiamente sufficiente il terzo studio album degli statunitensi Gutted Alive Hot

Ampiamente sufficiente il terzo studio album degli statunitensi Gutted Alive

recensioni

titolo
Killing Desire
etichetta
CDN Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Brutal Death Metal 

FFO: Cannibal Corpse, Dying Fetus, Gorerotted, Skinless, Suffocation 

LINE UP: 
Ryan Michael - vocals 
Jason Acquilano - guitars, vocals 
Adam Shampine - bass 
Brandon Graves - drums 

TRACKLIST: 
1. Intro [00:51] 
2. Purveyor in Filth [03:47] 
3. Carver of Flesh [03:16] =ASCOLTA= 
4. Chopped Up For Chum [03:14] 
5. Cold Steel Slash Wound [03:07] =ASCOLTA= 
6. Stump Grinder [02:28] 
7. Murderous Creation [03:27] 
8. Soaking in Torment [03:03] 
9. Eternal Decay [04:06] 
10. Deranged and Enraged [03:19] 

Running time: 30:38 

opinioni autore

 
Ampiamente sufficiente il terzo studio album degli statunitensi Gutted Alive 2020-01-08 17:21:27 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    08 Gennaio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Terzo album per gli statunitensi Gutted Alive, band Brutal Death proveniente dallo stato di New York - Rochester, per la precisione -, che non fa altro che proseguire la tradizione del genere della East Coast americana. Diligenti alunni degli insegnamenti dei vari Cannibal Corpse, Dying Fetus e compagnia 'brutallara', i Nostri tirano fuori un lavoro compatto e diretto, che per una mezz'oretta buona martella l'ascoltatore senza sosta, tra torture ed immaginario gore. Gutted Alive che sembrano non disprezzare traversate verso altri lidi, come dimostrano passaggi Slam à la Skinless/Devourment ("Purveyor in Filth" ad esempio), così come momenti thrashy tanto cari agli Exhumed, come possiamo ascoltare nella prima parte di "Carver of Flesh", brano che data la propria maggior varietà risulta anche essere quello che più convince. Il resto della tracklist, comunque, non è da meno: "Killing Desire" è a conti fatti un album convincente ed i Gutted Alive appaiono come una band ispirata sul piano del songwriting, capace di metterci del suo in un sound che molto deve ai maestri di cui sopra.
E' una sufficienza piena e guadagnata con merito da parte dei Gutted Alive; in un genere come il Brutal Death che di nuovo non ha nulla da dire da tempo, la band statunitense senza strafare dimostra di avere qualcosa da dire e di saper intrattenere gli amanti di queste sonorità estreme.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Anvil non deludono mai!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Michael Thompson Band: un live di classe
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I russi Horror God colpiscono con le loro frenetiche dissonanze
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo lavoro dopo ventiquattro anni per i polacchi Funeral Cult
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Se vi piacciono i Macabre, non potete perdervi i canadesi Tales of the Tomb
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP tutto sommato soddisfacente per i tech-death metallers canadesi Moosifix
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Myrholt, un disco dispersivo che avrebbe potuto dare molto di piú.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Myrholt, le uscite che non servono..
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il quarto capitolo delle raccolte dei Mesmerize
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla