A+ A A-
 

Mindless Sinner: dannatamente classici! Mindless Sinner: dannatamente classici!

Mindless Sinner: dannatamente classici!

recensioni

titolo
Shadow Rising
etichetta
Pure Steel Records
Anno

TRACKLIST:
1. Poltergeist
2. Heavy Metal Mayhem
3. Valkyrie
4. World Of Madness
5. The Road To Nowhere
6. Rewind The Future
7. The Rise And The Fall
8. Hammer Of Thor
9. Altar Of The King
10. Roll The Dice
Total Playing Time: 49:09 min

LINE-UP:
Christer Göransson – vocals
Magnus Danneblad – lead guitars
Jerker Edman – lead guitars
Christer Carlson – bass
Tommy Viktorsson – drums

opinioni autore

 
Mindless Sinner: dannatamente classici! 2020-01-12 15:03:11 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    12 Gennaio, 2020
Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

“The New Messiah” pubblicato nel 2015 fu davvero una gran bella sorpresa per gli amanti del metal classico e i Mindless Sinner, quasi cinque anni dopo, si rifanno vivi con questo nuovo “Shadow Rising”.

Il discorso è semplice: se siete attratti come un topo dal formaggio per le sonorità della NWOBHM e di bands come Maidens, Praying Mantis, Judas Priest e Tygers Of Pan Tang, allora dovreste dare un ascolto a questi svedesi capaci di costruire brani gradevoli, con chitarre vispe in grado di muoversi sapientemente attraverso belle armonie e accompagnate dal cantato pulito di Christer Göransson. Il sound dannatamente eighties viene fuori alla grande con brani come “Heavy Metal Mayhem”, puro inno metallico, e ”Valkyrie”, con un riff stoppato e melodie catchy. E che dire dell'artwork? Solo per la copertina i Mindless Sinner meritano tutto il nostro rispetto! La produzione potente dà una spinta alla riuscita “The Road To Nowhere”, uno dei brani migliori del disco con il suo incedere che arriva fino ad un bel refrain e con un bell'intermezzo caratterizzato da un arpeggio ben studiato. Corrono veloci invece “Rewind The Future” e la superlativa “Hammer Of Thor”, brani che accendono la seconda metà del disco.

Forse “Shadow Rising” non tocca i livelli del suo predecessore, ma poco ci manca. Un gran bel dischetto che strizza l'occhio al classic metal ottantiano, niente di più niente di meno.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I capitolini Enemynside tornano con un thrash onestissimo e funzionante
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wormhole: quando lo Slam/Brutal incontra il Progressive Death di scuola canadese
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eighty One Hundred: Heavy Metal fumante e melodico per la band campana!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delirium: il solito Pagan Black Metal.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I canadesi Sophist sono rimandati al prossimo lavoro (di prossima uscita)
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto per gli americani Frogg, ma con qualcosa da migliorare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album discreto per i blackened death metallers americani Deadspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante, seppur breve, il debut EP dei canadesi Unburnt
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Congiura: quando la fenice rinasce dalle sue ceneri
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia un buon prodotto Melodic Death/Black da parte della one man band Doom Rot
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla