A+ A A-
 

Veritates: un debutto notevole tra heavy e power metal Veritates: un debutto notevole tra heavy e power metal Hot

Veritates: un debutto notevole tra heavy e power metal

recensioni

gruppo
titolo
Killing Time
etichetta
Pure Steel Records
Anno

TRACKLISTING
1. The Past Is Dead
2. Killing Time
3. Jerusalem Syndrome
4. Awakening
5. Hangmen Also Die
6. The Wild Hunt
7. Discovery
8. Hasta La Muerte
Total Playing Time: 47:56 min

LINE-UP
Andreas von Lipinski – vocals
Tom Winter – rhythm guitars
Jörg Belstler – bass
Marcus Kniep – drums

opinioni autore

 
Veritates: un debutto notevole tra heavy e power metal 2020-01-16 11:24:58 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    16 Gennaio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Wow che bel debutto di heavy metal classico con un tocco power questo “Killing Time” dei tedeschi Veritates.

Riff potenti, belle melodie, atmosfere heavy.. la bravura del quartetto teutonico sta proprio nel riuscire a comporre pezzi abbastanza diretti ma tutt'altro che scontati. Si parte col piede giusto con la tirata “The Past Is Dead” che rimane in testa grazie ad un bel refrain, mentre la title track si muove su ritmi piu controllati ma non disdegna qualche accelerazione ed è degna di nota la parte centrale con un bel solo di chitarra che apre la strada al bridge. Chiare influenze alla Iced Earth arrivano con “Jerusalem Syndrome” mentre “Awakening” si candida tra i migliori momenti del disco con cambi di tempo e melodie azzeccate che trovano l'apice quando si arriva ad un ritornello davvero ben riuscito.L'altra hit è senza ombra di dubbio “The Wild Hunt”, con la sua partenza epica che poi esplode in un bel pezzo dai ritmi sostenuti che conquista con melodie ruffiane. Se con la lunga “Hangmen Also Die” la band si spinge forse oltre, ci pensano i riff stoppati di “Hasta La Muerte” a chiudere il disco a cazzottate con sonorità quasi thrash.

Che debutto per i Veritates; amanti del power heavy metal sapete cosa dovete fare: dare un ascolto ed acquistare questo disco!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trishula: un come back davvero notevole per gli amanti dell'Aor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buona questa nuova prova dei Morta Skuld
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: un EP per scaldare i motori dell'heavy metal!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla