A+ A A-
 

Eighty One Hundred: Heavy Metal fumante e melodico per la band campana! Eighty One Hundred: Heavy Metal fumante e melodico per la band campana! Hot

Eighty One Hundred: Heavy Metal fumante e melodico per la band campana!

recensioni

titolo
Heaven In Flames
etichetta
Pure Steel Records
Anno

LINE UP: 
Screamer - vocals
Mr. White - guitars 
Taker - guitars
Doc - bass 
The Machine - drums 

TRACKLIST:
1. Overture 80100
2. Heaven In Flames
3. Cry Out
4. Payback My Time
5. No Way Out
6. Mater Gaia
7. Power Of Revolution
Total Playing Time: 36:42 min

opinioni autore

 
Eighty One Hundred: Heavy Metal fumante e melodico per la band campana! 2020-01-19 13:30:59 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    19 Gennaio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Trentasei minuti di heavy metal fumante per gli Eighty One Hundred, band campana che pubblicava questo disco d'esordio nel 2018 ma che ora rivede la luce grazie alla Pure Steel Records.

L'ugola di acciaio del singer Screamer accompagna i riff potenti e taglienti di Mr. White e Taker già a partire dall'iniziale title track. Ma la band tricolore sa come conquistare anche grazie a melodie di impatto vedi “Cry Out” pezzo che spinge forte sull'acceleratore salvo poi rallentare durante un refrain da cantare agitando la testa. Chiare le influenze di Rob Harford e dei suoi Judas Priest ci accompagnano su “Way Out” mentre sono atmosfere più epicheggianti a venir fuori con la più eleborata “Mater Gaia”, bella cavalcata eroica in stile NWOBHM che supera i sette minuti di durata. Una produzione pulita e potente aiuta nella buona riuscita di questo lavoro che si fa gustare con enorme piacere

La ricca scena heavy metal italiana è spesso relegata nell'underground, ma la qualità di certe band è davvero indubbia e gli Eighty One Hundred dimostrano di voler far parte di questa élite, grazie ad un lavoro solido come “Heaven In Flames”.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trishula: un come back davvero notevole per gli amanti dell'Aor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buona questa nuova prova dei Morta Skuld
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: un EP per scaldare i motori dell'heavy metal!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla