A+ A A-
 

Gloryhammer: il nuovo progetto di Christopher Bowes Gloryhammer: il nuovo progetto di Christopher Bowes Hot

Gloryhammer: il nuovo progetto di Christopher Bowes

recensioni

titolo
“Tales from the kingdom of Fife”
etichetta
Napalm Records
Anno

 

TRACK LIST

1) Anstruther’s dark prophecy

2) The unicorn invasion of Dundee

3) Angus McFife

4) Quest for the hammer of glory

5) Magic dragon

6) Silent tears of frozen princess

7) Amulet of justice

8) Hail to crail

9) Beneath cowdenbeath

10) The epic rage of furious thunder

 

LINE UP

Christopher Bowes - Keyboards
Thomas Winkler - Vocals
Paul Templing - Guitars
James Cartwright - Bass
Ben Turk – Drums

opinioni autore

 
Gloryhammer: il nuovo progetto di Christopher Bowes 2013-03-29 19:03:25 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    29 Marzo, 2013
Ultimo aggiornamento: 29 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Gloryhammer sono il nuovo progetto di Christopher Bowes, leader degli Alestorm, e questo “Tales from the kingdom of Fife” è il loro primo album. Presentato come “Heroic fantasy power metal”, un modo come un altro per cambiare quella definizione di “power metal” che a qualcuno potrebbe far pensare: “sempre la stessa musica”; in realtà nei Gloryhammer ci sono un po’ degli stilemi classici dei Rhapsody: testi fantasy (il disco è un concept imperniato, tra magie e stregonerie, sulla storia del guerriero scozzese Angus McFife), musiche sontuose e dal flavour sinfonico, ritmiche spesso serrate e veloci, insomma non il classico power teutonico, ma quel power più maestoso che ha nei nostri Rhapsody (in entrambe le loro versioni) i rappresentanti più illustri, nonché gli indiscussi maestri ed ideatori. Di certo il buon Thomas Winkler (singer anche degli Emerald) non è assolutamente al livello di mostri come Fabio Lione o Alessandro Conti, ma è un buon vocalist, con un’impostazione alquanto aggressiva e sporca che, tutto sommato, non si sposa male con il sound della band. Rimane qualche rimando al power piratesco degli Alestorm e dei vecchi Running Wild (“The unicorn invasion of Dundee” ne è un esempio lampante), ma si tratta solo di qualche sporadico episodio che comunque non dispiace. “Tales from the kingdom of Fife”, con una copertina decisamente scontata ed inflazionata (ho perso il conto delle copertine con guerrieri di ogni genere!), è composto da 9 pezzi + la consueta inutilissima intro; si tratta di 9 brani molto piacevoli e coinvolgenti, decisamente orecchiabili, ritmati a dovere grazie ad un ottimo lavoro della batteria di Ben Turk, pieno di duetti nelle parti soliste chitarra/tastiere ad opera del buon Thomas Winkler e del leader Christopher Bowes. Mi sono piaciute particolarmente la frizzante “Angus McFife”, ricca di cori solenni; l’orecchiabilissima “Magic dragon”, dotata di un coretto che vi si ficcherà in testa sin dal primo ascolto per non andar più via; la velocissima “Amulet of justice”, a dir poco indiavolata per le sue ritmiche oltremodo sostenute. Il pezzo migliore è, però, posto in chiusura, dopo la piacevole strumentale “Beneath cowdenbeath”: si tratta della lunga suite di quasi 11 minuti “The epic rage of furious thunder”, ricca di atmosfere solenni ed epiche, cambi di tempo, parti strumentali di gran gusto, vera summa di quanto i Gloryhammer hanno saputo fare in questo disco. Cos’altro aggiungere? Oltre che ribadire che “Tales from the kingdom of Fife” è un gran disco e che è un Must per tutti gli appassionati di power metal, non c’è altro da aggiungere se non il classico “Buy or die”!

Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

La ruvidità dei Dismember e le melodie degli At the Gates; in una parola: i Lik
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
KAT: per festeggiare i quarant'anni tra inediti e cover!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nefesh Core, scandinavi di Sicilia
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Indie Place: Un EP per chi ha amato il Classic/Hard Rock degli anni '80
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Freddo, negativo, ma comunque affascinante il secondo album dei francesi Vous Autres
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Uada si spostano su lidi più melodici dando vita ad un album a dir poco sorprendente
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: un EP per scaldare i motori dell'heavy metal!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla